Pasticcio calendari: Sorrento e ProCavese devono dividersi il Lamberti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Pasticcio al Lamberti: Sorrento e Cavese in contemporanea per otto gare

Cava Dè Tirreni – Che sarebbe stato un anno di difficoltà e patemi per tutti era chiaro sin dall’inizio. Ma le ultime notizie indicano che i guai per i rossoneri potrebbero essere appena iniziati. I calendari di Lega Pro e Serie D mettono in evidenza un fatto clamoroso. Sorrento e Pro Cavese dovrebbero infatti disputare 8 partite in contemporanea allo stadio Simonetta Lamberti. Un brutto pasticcio che dovrà essere presto risolto per la tranquillità delle due squadre. Una delle due squadre, a questo punto, dovrà giocare queste partite il sabato pomeriggio.
A Cava, però, i tifosi e l’opposizione al sindaco Galdo che ha concesso ai costieri il permesso di poter giocare tra le mura del Lamberti le gare casalinghe scoppia la polemica. Giocare due partite nelle otto giornate in questione significherebbe sfruttare oltre il consentito il manto erboso dello stadio metelliano. Paventata l’ipotesi di far giocare la Cavese, che milita in una serie inferiore, il giorno precedente alla giornata di Prima Divisione, tifosi e opposizione si sono subito dichiarati contrari.
Dopo l’esordio con il Treviso, nonostante i proclami del Sorrento, che ha pubblicamente ringraziato le autorità cavesi per il sostegno e l’ospitalità per il prossimo campionato, era già chiaro a tutti che non tutto sarebbe filato liscio. Questo nuovo capitolo che coinvolge la seguitissima squadra di casa complica ulteriormente le cose. Qualcuno dovrà risolvere questa annosa questione. E bisogna sperare che l’anno di purgatorio che attende la società rossonera, fresca di eliminazione, con onore, dalla Coppa Italia, non si trasformi in una discesa agli inferi ma che rappresenti una scalata verso mete più serene. Problemi logistici permettendo.

©Riproduzione riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!