Londra: finisce anche il sogno olimpico della De Gennaro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Londra – Le Olimpiadi dei protagonisti della penisola sono ormai un ricordo. Un ricordo, comunque, bello ed importante, che darà una scossa allo sport costiero che ha dimostrato di valere tanto e di poter dare alla nazione atleti di grande caratura. Anche Monica De Gennaro, dopo Andrea Rolla e Mario Paonessa, proprio in quella nazionale in cui gli appassionati riponevano le più grandi speranze di medaglia, ha dovuto dire addio al sogno a cinque cerchi uscendo ai quarti di finale contro la Corea, così come accaduto nelle ultime due Olimpiadi a Pechino e Atene. Una Corea che ha schierato un muro invalicabile e che ha spento le velleità delle azzurre annullando la Costagrande e vincendo per 3-1: perso il primo parziale per 18-25, un set che aveva regalato i migliori auspici alla squadra di Barbolini, le asiatiche si sono riprese conquistando i set seguenti con i punteggi di 25-21, 25-20 e 25-18. Le azzurre non riescono a reagire e perdono la possibilità di entrare tra le prime quattro del mondo e di giocarsi almeno la medaglia di bronzo. Per Monica, che aveva esordito nella partita vinta per 3-0 contro la Gran Bretagna, spazio nei punti finali del secondo set. Bilancio comunque positivo per il libero della RoburSport Pesaro che ha potuto calcare i campi a cinque cerchi coronando il sogno di tanti atleti.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!