Sorrento nel girone B di Prima Divisione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Il dado è tratto. I gironi di Prima Divisione di Lega Pro sono pronti e il Sorrento è pronto ad armarsi ed andare. La stagione a venire si preannuncia particolarmente difficile sotto tutti i punti di vista. L’esordio a Cava dè Tirreni, che sarà la casa dei rossoneri per i prossimi 9 mesi, è stato brillante riguardo gioco e risultato ma particolarmente difficile dal punto di vista logistico-ambientale. Non proprio calorosa infatti è stata l’accoglienza dei costieri al Simonetta Lamberti. A complicare le cose un girone che preoccupa gli addetti ai lavori: i rossoneri se la vedranno con tutte le squadre campane. Benevento, Nocerina, Paganese e l’Avellino, ex squadra di Bucaro, rappresentano scogli duri da superare dal punto di vista calcistico ma anche la possibilità di problemi fuori dal campo, che la Lega probabilmente eviterà chiudendo le porte a molte delle partite in programma del girone. Oltre alle campane ecco Frosinone e Latina, Andria e Barletta dalla Puglia, il Catanzaro e le quattro squadre provenienti dalla Toscana: Carrarese, Pisa, Prato e Viareggio. Le vicissitudini societarie hanno fatto sì che il girone del Sorrento sia a 16 squadre mentre il girone A del centro-nord più Trapani inserito per motivi logistici conta 17 squadre. Ulteriori sconvolgimenti potrebbero cambiare ancora le carte in tavola.
Per il Sorrento, adesso, è il momento di puntellare la squadra senza farsi impressionare dalla vittoria contro il Treviso, che potrebbe diventare un vero e proprio specchietto per le allodole.  Domenica c’è già lo Spezia, poi in campionato, sarà un’altra storia.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!