VI° Memorial “Zio Pino”, trionfa il Bar Syrenuse

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

I ragazzi del Bar Syrenuse festeggiano la vittoria del VI° Memorial "Zio Pino"Alla fine l’ha spuntata il Bar Syrenuse: sono capitan Ferraro ed i suoi compagni ad alzare al cielo la coppa del VI°Memorial “Zio Pino”. Una vittoria meritata, arrivata al termine di una gara al cardiopalma vinta per 5-3 contro i Blue Lions Scafati di Carlo Amato e Francesco Maresca. Una sfida tirata, combattuta pallone su pallone, che ha premiato la maggior pazienza dei ragazzi in maglia bianco verde, bravi a mantenere la calma nei momenti più caldi del match nei quali, come purtroppo troppo spesso accade in questi tornei amatoriali, c’è stato anche un accenno di rissa, fortunatamente subito sedato dagli organizzatori, dalla terna arbitrale e da parte degli stessi calciatori in campo.

La gara ha visto subito i Blue Lions partire col piede pigiato sull’acceleratore, con Maresca che ha portato i suoi in vantaggio con un sinistro da posizione defilata, insaccatosi sul palo lungo. La reazione del Bar Syrenuse è arrivata a stretto giro, grazie ad una magia di Marcia, che, imbeccato da Giuseppe Maresca, con un tocco di tacco ha lasciato di stucco il portiere avversario ed i tanti spettatori presenti sul perimetro del campo di gioco. Galvanizzato dalla giocata, Marcia ha portato poi i suoi in vantaggio, con un destro imparabile a fil di palo.

Il momentaneo 2-1 per il Syrenuse ha però anche un altro protagonista, il portiere Apreda che, sul finire della prima frazione, salva il risultato con tre grandi interventi, tra cui un calcio franco parato a De Pascale. La fame di rimonta dei Blue Lions si concretizza pochi secondi dopo il fischio d’inizio della secondo tempo, ancora con Maresca che di sinistro trova il set dalla corsia mancina. Demoralizzati, i bianco verdi incassano in contropiede anche il 3-2, con Gargiulo che col destro buca le mani di Apreda e porta in vantaggio i suoi.

La svolta dell’incontro arriva a metà ripresa, quando gli animi troppo caldi in campo, portano all’espulsione di Maresca e De Pascale per i Blue Lions e De Concilio per il Bar Syrenuse. In superiorità numerica di due uomini, per il Bar Syrenuse è un gioco da ragazzi trovare il gol del pareggio ancora con uno scatenato Marcia. Il sorpasso decisivo, invece, arriva con il calcio-franco di Gioacchino Maresca, mentre è il gemello Giuseppe a siglare il definitivo 5-3, complice un errore dell’ultimo difensore dei Blue Lions.

Negli ultimi minuti, l’assalto dello Scafati non porta frutti e al triplice fischio finale a festeggiare sono Apreda, Ferraro, Giuseppe e Gioacchino Maresca, Pepe, Marcia, De Gregorio, De Concilio e Coluccio: il VI° Memorial “Zio Pino” va, con merito, a loro.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!