Rigettato il secondo ricorso del Poseidon Team

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Dopo aver accolto il primo ricorso del Poseidon Team per la riscrittura della classifica dopo aver riscontrato l’irregolarità della presenza di due squadre dello stesso team sul podio del trentaduesimo Campionato Italiano di Safari Fotografico Subacqueo, è stato rigettato dal giudice della Fipsas il secondo ricorso del Team che ha accarezzato l’idea di poter raggiungere il secondo posto nazionale.
Molte squadre partecipanti hanno infatti riscontrato alcune pecche nella condotta di gara di un atleta avversario, reo di aver utilizzato l’aria della bombola di un compagno dopo aver terminato la propria e di aver fotografato un pesce ferito durante la competizione. Il giudice ha ritenuto che il comportamento dell’atleta in questione non avesse infranto alcuna regola ed ha respinto i numerosi ricorsi presentati. Il Poseidon Team rimane così al terzo posto a squadre.
Il prossimo appuntamento per il sodalizio guidato da Antonio Mario sarà alle Tremiti dove Gargiulo, campione 2011 di specialità, sarà impegnato nel campionato di fotografia digitale subacquea e potrà confermarsi e confermare gli ottimi risultati del team nel corso di questo anno.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!