Burgos e Scafa fanno visita al Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Augusto Burgos in visita al campo Italia ieri pomeriggio (foto Romano)

Sorrento – Toh! chi si rivede. All’Italia un lieto ritorno nel pomeriggio di ieri. Enzo Scafa, storico secondo di Cioffi, ha fatto visita al suo amico Bucaro.
Con l’ex mister del Sorrento anche il centrocampista Augusto Burgos, argentino di nascita, vicano di adozione. Il classe ’85 è attualmente svincolato dopo aver disputato la serie D a Caserta con il suo mentore Giovanni Ferraro.
Il motivo della visita? Semplice. L’ex biancorosso equense ha giocato con Polizzi  ai tempi del Pomigliano.
“Lo vedo bene. E’ sereno. Ha dei mezzi fisici da serie A. Sorrento potrebbe essere la piazza giusta per rilanciarsi”.
Centrocampista tutto fare può occupare bene tutte le posizioni centrali del centrocampo, disimpegnandosi bene anche sulla corsia di destra nell’ottica di una mediana a 5. Un ritorno tra i pro lo stuzzica, ma lui si nasconde.
“Sorrento? Qui si che bello sarebbe, ma non ci credo neppure se mi chiamano – ammette con un sorriso l’argentino -. L’opportunità dovevo sfruttarla dopo l’anno con il Vico tra i pro. Adesso faccio del mio meglio e vado dove mi chiamano”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!