VI° Memorial zio Pino: Lions Scafati pari a fil di sirena

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

I Lions Scafati

Meta – Si ci giocava tanto nell’incontro che ha visto protagonisti i campioni in carica del Bar Syrenuse e Lions Scafati, alla fine ne scaturisce un pareggio (4-4) che fa contenti tutti anche gli inseguitori di Tecno Calor. Il discorso per la qualificazione resta apertissimo e sarà decisiva l’ultima giornata dei gironi.
Una partita intensa che vede protagonista assoluto il portiere scafatese Gianluca Amoruso autore anche di una rete e di alcune parate decisive quando le cose si mettono male per i suoi.
I campioni in carica sono trascinati da uno straripante Ferraro autore di una tripletta che sembrava mettere le cose in discesa per i green dei gemelli D’Esposito, ma nel finale complice anche l’espulsione del portiere Pollio vengono raggiunti a fil di sirena dalla rete di De Pascale su tiro libero.
Proteste a iosa nei confronti del direttore di gara che comunque ha tenuto in mano la partita considerato i focosi caratteri in campo.
C’è da recriminare in casa Syrenuse per non essere stati in grado di reggere l’urto degli avversari anche con tanti ricambi perché il doppio vantaggio poteva essere gestito meglio.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!