Italian Radical Trophy: Bruccoleri campione

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Bruccoleri Campione dell'IRT 2012

Magione – Il quarto appuntamento dell’Italian Radical Trophy curato dall’Autosport Sorrento ha deciso le sorti del campionato che da quest’anno è entrato nel circuito delle competizioni ACI-Csai. Ancora una volta l’agrigentino Luigi Bruccoleri, dopo l’exploit dello scorso anno ha vinto il titolo su Radical Sr4 con ben 7 successi in 8 gare. 185 punti totali hanno tenuto a distanza sia Michele Esposito Jr, che è però passato al Campionato Italiano Prototipi lasciando la strada spianata al campione siciliano, sia il romano Laureti che è rimasto fermo a 82 punti e che in gara 2 è stato protagonista di un incidente spettacolare.
Gara 1  stata caratterizzata dall’assolo di Bruccoleri che ha condotto dall’inizio alla fine della gara senza alcun problema dopo aver conquistato la pole position. al secondo posto proprio Laureti seguito dal palermitano Pennaforte: dietro i piloti costieri.
Spettacolare Gara 2; in griglia di partenza posizioni invertite dal primo al sesto posto con Bruccoleri che è partito quindi dalla terza fila mentre dal palo è scattato l’esperto Cataldo Esposito, sesto nella prima prova di Magione.
Bruccoleri in difficoltà nei primi minuti di gara è scivolato addirittura in nona posizione invischiato nella bagarre; difficoltà per il giovane Francesco Celentano ritirato dopo un testacoda. Il secondo ed il terzo classificato della prima gara, Laureti e Pennaforte, si sono curiosamente toccati a pochi minuti dall’inizio della gara uscendo di scena con grande sportività: a quel punto bruccoleri ha raggiunto le prime posizioni trovando la testa della corsa a cinque minuti dalla fine della gara. Dietro grande bagarre tra Luigi Vinaccia e Cataldo Esposito che hanno dato vita ad un gran duello terminato con il secondo posto in gara di Vinaccia mentre Esposito si è dovuto accontentare del terzo posto. Subito sotto il podio “The Shark” Ferola che è tornato in pista con un buon risultato.
Bruccoleri può festeggiare così la seconda vittoria consecutiva nell’IRT organizzato dalla grande famiglia dell’Autosport Sorrento che ancora una volta ha regalato emozioni a grande velocità.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!