Italian Radical Trophy: Bruccoleri in pole

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ancora una pole per Luigi Bruccoleri nell'Italian Radical Trophy

Magione (Pg) – Il leader dell’Italian Radical Trophy 2012, l’agrigentino Luigi Bruccoleri, ha conquistato la “pole” del quarto appuntamento della Serie, che si sta disputando sull’Autodromo dell’Umbria di Magione (PG), e sembra intenzionato a proseguire la striscia di ben cinque vittorie conquistate nelle prime sei gare del Trofeo promosso dall’Autosport Sorrento, sotto l’egida del Costruttore inglese e con la partnership tecnica di Avon e Sparco, inserito, da quest’anno, nell’importante contenitore dei Racing Weekend tricolori ACI-CSAI.
Il portacolori della Concordia Motorsport con la sua SR4 1600 ha ottenuto la migliore prestazione cronometrica nelle qualifiche, dopo aver già comandato le operazioni in entrambi i turni di prove libere, portando a termine appena dieci tornate e distanziando di poco più di un secondo il più vicino rivale.
Il vero leit-motiv della sessione di qualifiche pomeridiana è stato quello della battaglia per il secondo posto in prima fila che ha visto impegnati il capitolino Simone Laureti, il palermitano Bruno Pennaforte, il sorprendente “The Shark” e Luigi Vinaccia, racchiusi in un “fazzoletto” di appena sei decimi e finiti nell’ordine, tutti con le SR4 1600 by Autosport Technology come quella del poleman Bruccoleri.
Da segnalare, in particolare, la seconda fila conquistata dal gentleman-driver sorrentino “The Shark”, al secolo Giuseppe Ferola, che, dopo aver saltato le tappe di Pergusa e Franciacorta, è salito in macchina direttamente nelle prove ufficiali dopo aver saltato le libere per impegni di lavoro.
Seguono in graduatoria Cataldo Esposito, rimasto unico alfiere di famiglia dopo il passaggio del nipote Michele al prestigioso palcoscenico del Campionato Italiano Prototipi (dove ha centrato una splendida seconda fila al debutto!), e Daniele Vanacore.
Chiuderà la quarta fila il “baby” Francesco Celentano, miglior tempo della Classe 1300 su SR4 davanti all’esordiente romano Ivano Ziroli e Silvio Esposito.
Decimo tempo e quinta fila per l’unico iscritto nella Classe Open, l’altro esordiente di giornata Giuseppe Pollio, pilota con soli trascorsi amatoriali nel karting, con una SR4, mentre problemi familiari hanno impedito in extremis la presenza del “Comandante” Aniello Mastellone.
Le vetture e i piloti dell’Italian Radical Trophy andranno in onda domani alle ore 10,50 (Gara 1) e 17,30 (Gara 2 con l’inversione delle prime sei posizioni in griglia) rigorosamente in diretta sul canale tematico Nuvolari (144 della piattaforma satellitare e 222 del digitale terrestre).

Comunicato stampa Autosport Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!