Macalli: Tutto come al solito, bisogna eliminare le mele marce”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il presidente di Lega Pro Mario Macalli (foto tratta da salernomania.it)

Roma – Parla Mario Macalli ai microfoni di Sky Sport 24 e la Lega Pro tream. Il presidente della Lega Pro decide di fare chiarezza una volta per tutte sul futuro della obsoleta serie C.
«L’anno prossimo non cambierà nulla. Ci saranno ancora due gironi di Prima Divisione da diciotto squadre ciascuno. Per ciò che concerne le retrocessioni voglio sfatare il falso di mito che non retroceda nessuno. Visto che dobbiamo trovare un accordo con la Figc e la Lega Nazionale Dilettanti per il passaggio a sessanta squadre, chi retrocederà dalla Prima Divisione potrebbe ritrovarsi direttamente in D, c’è bisogno di eliminare le mele marce».
Ancora nulla è stato deciso in merito alla composizione dei gironi, ma l’obiettivo è quello di avere una Lega Pro a 60 squadre a partire dall’annata 2013-14.
« Tra un anno potrebbe sparire la Seconda Divisione che attualmente funge da cuscinetto fra l’ex Serie C1 e la Serie D. Dunque saranno campionati regolari e strutturati come in passato» tuona il massimo dirigente, chi ha creduto alla favoletta del blocco delle retrocessioni resterà deluso.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!