Vela: Al Circuito delle Sirene vittoria per il Santa Rosa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Lo staff del Santa Rosa (foto concessa dall'Asso Vel'a tarchia)

Acciaroli (Sa) – Decolla la vela latina in Campania, con la terza  tappa del “Circuito delle Sirene”, kermesse velica inserita nel calendario F.I.V., che si è svolta nelle acque cristalline del Cilento, precisamente a Pollica-Acciaroli, con l’ottima organizzazione del “Circolo nautico Lazzarulo”.
Una splendida due giorni di regata, cui hanno partecipato imbarcazioni provenienti da Napoli, Pozzuoli, Salerno, Pisciotta, dalla Liguria e Toscana ed, ovviamente,  dalla penisola sorrentina, con i comuni di Massa Lubrense, Meta e Sorrento, impreziosita dalla presenza di tanti maestri d’ascia, tra cui Giovanni Cammarano ed il sorrentino Nino Aprea;
La città del Tasso è stata la stella che ha brillato con l’ennesima vittoria del gozzo “Santa Rosa” dell’armatore Giancarlo Antonetti, primo sia in tempo reale che compensato (con le formule di stazza), sia dopo essersi aggiudicato la vittoria nella propria classe (oltre i 7 metri), ha portato in penisola il “Trofeo del Pellicano”, in omaggio allo stemma comunale della città del compianto Angelo Vassallo, consegnato al timoniere/skipper Renato Antonetti, dall’attuale sindaco Stefano Pisani.

“Sorrento ha tanto da imparare da questa località” si legge in una nota dell’equipaggio del gozzo sorrentino composto anche da Salvatore e Giovanni Gargiulo.
“Una vivibilità del territorio ormai dimenticata dalle nostre parti, un mare splendido e cristallino, e tanta voglia di conoscere le tradizioni marinare e la vela latina”.
Il futuro è già alle porte. Infatti, l’Asso Vel’a Tarchia ha comunicato a Francesco Lo Schiavo, vicepresidente della V Zona della Federazione Italiana Vela Campania l’intenzione di iscrivere le imbarcazioni alla classe  F.I.V.
“Il movimento campano della vela latina sta crescendo di regata in regata, e parte da lontano, da una base di tradizioni marinare che non sono seconde a nessuno. Il nostro sogno è portate il Campionato Nazionale della Vela Latina in Campania”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!