Ecoonda: oggi gran finale a Vico Equense

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

 Oggi gran finale a Vico Equense per gli econuotatori protagonisti della manifestazione organizzata in collaborazione con la sezione di Vico Equense della Lega Navale Italiana e che ha coinvolto i Comuni di Positano, Massa Lubrense, Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento, Meta, Vico Equense, Castellammare di Stabia, le associazioni Marevivo e Legambiente, il Parco marino Punta Campanella,  il comando generale delle Capitanerie di porto. Paolo Santalucia, Luca Castellano, Marco Cuomo e quanti si sono uniti alla maratona di nuoto giugeranno presso la Marina di Vico alle 13 e inaugureranno insieme alle autorità locali e a Buby Dennerlein il “Miglio Azzurro Fritz Dennerlein”, in onore dell´ex campione di nuoto. Dalle 10 alle 13 si terranno le finali del torneo di pallanuoto e una partita tra all stars vecchie glorie Canottieri Napoli e Pro Recco, alle 17 nelle acque del miglio si svolgeranno due gare di nuoto “Il delfino e la tartaruga”, 800 metri e 1500 metri, per poi concludere la giornata con una serie di concerti all’insegna della musica popolare. “. “Stiamo nuotando da  giorni – aggiunge Luca Castellano – perché pensiamo che il mare sia un ente naturale da rispettare e proteggere, come lo sono le coste, i litorali, le spiagge. Non una risorsa, come spesso viene detto, da sfruttare a fini economici, ma enti naturali con una loro dignità e con diritti di salvaguardia da tutelare. E’ necessario che vengano rispettati i sacrosanti diritti dei cittadini. E´ una pratica ormai degenerata e protetta dalle amministrazioni comunali, quella esercitata da parte dei gestori degli stabilimenti balneari di far pagare una quota per l´’ingresso’ al mare. Quest´anno, la Regione Campania ha promulgato una legge: la legge 10/2012 per la quale è stato stabilito che ‘I titolari di concessioni demaniali garantiscono l´accesso gratuito agli stabilimenti ai minori di anni 12. […]E´ fatto obbligo a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Campania.’ Questa legge al momento è disattesa da tutti! I gestori la contestano dicendo che sarebbe incostituzionale, perché sugli stabilimenti loro offrirebbero alla clientela dei servizi! Noi diciamo che invece è incostituzionale ‘l´ingresso al mare’. Che dovrebbe non essere chiesto non solo ai minori di 12 anni, ma a tutti!Nessuno chiede servizi gratuiti, i servizi vanno pagati, anche se è nostra opinione, che ci dovrebbero essere in funzione spazi comunali con servizi offerti dal comune a prezzi accessibili a tutti,! Ma chieder di pagare un ingresso è un abuso, come è anche abuso recintare e limitare e chiudere ogni possibile via di accesso al mare. Se stiamo qui oggi è per denunciare a tutti quello che ormai è diventato un intollerabile caso italiano e campano in particolare”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!