L’emozione di Rolla: “Ho realizzato un grande sogno”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Andrea Rolla pronto per la partenza: destinazione Londra

Piano Di Sorrento – A margine della piccola improvvisata in sala consiliare per gli auguri della città in vista delle Olimpiadi, Andrea Rolla, visibilmente emozionato, ci ha rivelato ciò che gli frulla per la testa prima della partenza per Londra prevista per mercoledì. London 2012 è il momento culminante della carriera, un sogno per ogni sportivo: la scoperta della convocazione, nell’aria, comunque, già da dicembre dopo l’oro europeo di Stettino in vasca corta, è stato un attimo senza precedenti per l’atleta di Piano.
«Che bello! Lì per lì non mi sono fatto prendere dall’emozione perchè sapevo già da un po’ di essere in lizza – racconta Andrea -, poi dopo la notizia sono cominciati ad arrivare tanti messaggi entusiasti da parte degli amici ed erano tutti felici: mi sono emozionato grazie alla gioia degli altri».
Le Olimpiadi rappresentano il sogno di qualsiasi sportivo professionista, ma Andrea, durante la sua carriera, ha imparato a non fare un’ossessione del pensiero olimpico: «Certo l’olimpiade è l’obiettivo di ognuno -continua -, ma non ne ho fatto un pensiero fisso perchè se mi fisso comincio a far guai! Pian piano poi ho cominciato a capire che era possibile e ho lavorato tanto per questo momento».
Ha gli occhi luccicanti, Andrea, quando guarda indietro alla stagione spettacolare che ha vissuto, che culminerà il 29 luglio con la staffetta 4×100: un anno importante, decisivo. «E’ stato un anno duro ma sono contento di tutto – ammette -, dei sacrifici e delle rinunce che ho dovuto fare, delle arrabbiature. Tutto è servito a qualcosa, non ho perso tempo ».
Sul lato tecnico e meno emotivo, Andrea spiega che anche se l’obiettivo Londra è raggiunto, il posto in gara non è assicurato per nessuno. Ci sono cinque nuotatori che si giocano quattro posti. Magnini, a meno di stravolgimenti dell’ultimo momento, è la punta di diamante ed è sicuro del posto. «A parte Magnini, siamo tutti sulla stessa linea di partenza. – spiega Rolla -Di solito si scelgono due atleti per le qualifiche del mattino e due per il pomeriggio, questa volta invece hanno pensato di far gareggiare gli stessi al mattino e alla sera, decideranno le prove e gli allenamenti. Non ci sono riserve, partiamo tutti con le stesse probabilità di gareggiare».

Rolla con il sindaco Ruggiero in sala consiliare

L’oro sembra una sfida a due tra Usa e Australia: Phelps punta ad un nuovo record mentre i canguri proveranno a fare uno scherzo agli avversari a stelle e strisce. «L’obiettivo è il bronzo, sfidiamo Francia, Germania, Russia e Giappone che hanno grosse velleità di medaglia. Sulla carta Usa e Australia sono troppo superiori a tutte le altre».
Alla fine, Andrea rivela di non pensare alla mancata qualificazione per i 50 Sl: «Non ho rimpianti, certo erano solo 7 centesimi che possono cambiare tutto nel nostro sport ma non ci penso – conclude -. Ho comunque realizzato un sogno, dopo le olimpiadi non saprò cosa sognare perchè il mio più grande desiderio era questo. Spero di fare una foto con Usain Bolt una volta a Londra».
L’ultima nota simpatica ci consegna un Rolla entusiasta e impaziente di partire. Quello che dirà la piscina lo sapremo il prossimo 29 luglio, ma possiamo dirlo: Andrea c’è e vuole stupire ancora!

©Riproduzione Riservata

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!