Sant’Agnello: buoni risultati a Barcellona

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Negri soddisfatto dei risultati di Barcellona

Sant’Agnello – Tempo di bilanci per il presidente Negri dopo la bellissima esperienza dello Spain Trophy nella stupenda città di Barcellona, il vero tempio del calcio attuale. Dopo la vittoria conquistata lo scorso anno con i ragazzi del ’94 le giovanili santanellesi non sono riuscite a confermarsi ma hanno dato tutto raggiungendo ottimi risultati.
Il massimo dirigente santanellese ha commentato con soddisfazione le prestazioni dei suoi giovani calciatori, che hanno raggiunto una finale e due semifinali perdendo le tre partite ai calci di rigore quindi senza provare l’onta della sconftta sul campo. «Siamo andati benisismo ma siamo stati anche perseguitati dalla sfortuna – racconta Negri -, abbiamo raggiunto una finale con gli under 15A, una semifinale con gli under 15B e con i 2000 perdendo tutte le partite ai rigori. Con gli U15A eravamo andati per giocarci la finale ma poi ai rigori è sempre una lotteria, mentre abbiamo avuto belle sorprese dalla B che mister Ponticorvo è riuscito a mantenere compatta e concentrata».
Male la squadra da cui ci si aspettava di più, la under 17, ma il presidente prende con filosofia il risultato e racconta: «Ci aspettavamo molto da loro anche se si trattava di ragazzi under 16, si sono fatti un po’ prendere dal contorno e dalla troppa grazia offerta da Lloret de Mar e Barcellona, posti stupendi, pensando più alla vacanza che al torneo da giocare».
Oltre al calcio giocato in occasione dello Spain Trophy il Sant’Agnello ha vissuto in terra iberica la deludente  finale di Euro 2012 persa dall’Italia per 4-0 contro la fortissima Spagna. Una partita vissuta nella tana del lupo il cui risultato ha creato qualche apprensione alla squadra: «La sconfitta in finale è stata una brutta cosa – ammette il presidente -, per tutta la settimana abbiamo incontrato spagnoli che a qualunque cosa chiedessimo rispondevano con il gesto del quattro, devo dire che è stato uno sfottò simpatico e che abbiamo vissuto la partita e la sconfitta con molta sportività. E ci siamo presi la rivincita sconfiggendo due squadre spagnole sul loro campo nel corso del torneo».
Non resta, dopo la parentesi giovanile, che attendere novità che si preannunciano importanti sul fronte della prima squadra, ancora in bilico tra la partecipazione all’Eccellenza e la permanenza in Promozione.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!