Tabaccheria il Marchese batte il banco Intralot

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Meta – In uno dei tanti big match del girone A Intralot in versione roster ridotto incappa nella sconfitta contro una seria candidata al successo finale. I giallo blu privi del portiere titolare Pinto e delle punte di diamante Giuseppe Savarese e Lino Suarato cedono di schianto nel finale del secondo parziale per 4-1.
Incide sul risultato la doppia espulsione rimediata in casa Intralot di Bagnulo e Calemma che ha costretto Cuomo e compagni a giocare in inferiorità numerica tutta la seconda frazione di gioco.
Gli all red di capitan Porzio, migliore in campo e autore della rete del poker, ci impiegano anche troppo a piegare il team vice campione della rassegna organizzata da Francesco De Vivo.
Maresca tra i pali è stato provvidenziale in diverse circostanze per i  giallo blu che hanno pagato carissimo la rosa ridotta all’osso con cui si sono schierati al cospetto della Tabaccheria il Marchese.
I fratelli Cacace marchiano a fuoco tre delle quattro marcature dei diavoli rossi, mentre bomber Tagliente realizza la rete del momentaneo pari per Intralot.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!