Sorrento: salta ritiro a Montecatini

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Non sarà Montecatini la sede del ritiro del Sorrento

Sorrento – Sciolto il nodo allenatore con la conferma dell’ingaggio di Giovanni Bucaro sulla panchina del Sorrento, a intricare la caldissima estate rossonera ci sono tanti piccole e grandi questioni, tra cui quella del ritiro precampionato. La ventilata ipotesi Montecatini è ormai saltata; sarà il Pescara del neo allenatore Giovanni Stroppa a sfruttare la località toscana per una parte del ritiro pre serie A.
La società del presidente Sebastiani ha bruciato il Sorrento, fermato da qualche intoppo tecnico, sul filo di lana ed approfitterà delle Terme toscane per preparare al meglio la stagione del dopo Zeman e del ritorno nella massima serie.
Al momento si vagliano altre opportunità come un possibile ritiro al centro sportivo di Monte Faito, con la possibilità per la squadra, ancora in fase embrionale di allestimento , con notizie ufficiali in uscita e qualche nome nuovo per la nuova rosa, di allenarsi al Massaquano di Vico Equense. Ulteriore possibilità quella di rimanere in penisola, a Sorrento, sistemando i giocatori in gruppi sparsi per diversi alberghi; una possibilità che giocherebbe contro l’amalgama del futuro gruppo che scenderà in campo al Simonetta Lamberti di Cava per il campionato di Prima Divisione.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!