Sorrento, fronte allenatore: Bucaro, Capuano, spunta Ferraro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Giovanni Ferraro, idea suggestiva per la panchina del Sorrento

Sorrento – Giorni di lavoro intenso per la nuova dirigenza del Sorrento che deve scegliere il nome per la panchina. Tramontate le ipotesi Novelli, pronto al Barletta, Campilongo, finito all’Ischia, ora il nome più probabile sembra quello di Giovanni Bucaro, ex Avellino che aveva avuto contatti anche con il Foggia.
C’è stato un incontro con la dirigenza ma la situazione attualmente sembra in stand by ma il successore di Ruotolo sembra poter avere la fisionomia del tecnico cresciuto, da calciatore, proprio in costiera.
Più fumosa la pista che porta a Eziolino Capuano, che ha già dimostrato di saperci fare bene con squadre e progetti giovani come quello intrapreso dalla nuova gestione collegiale.
Franco Ronzi, neo presidente, è stato chiaro: il nuovo allenatore dovrà attenersi alle direttive della società in termini di utilizzo dei giovani e dovrà rispettare la linea e gli obiettivi prefissati.
La certezza si chiama Pino La Scala, che sarà il secondo allenatore di chiunque siederà sulla panca rossonera, forse mai così calda. Idea suggestiva,  intanto, quella che porta a Giovanni Ferraro, ex Vico Equense ed ex calciatore del Sorrento, che per il momento però rivela: «Per adesso non ho avuto contatti ma mi fa piacere che il mio nome sia accostato al Sorrento – dice il tecnico -, sarei felice di poter tornare in rossonero, conosco l’ambiente. Non ho paura di lavorare con i giovani, l’importante è la professionalità e che tutti remino dalla stessa parte in questo campionato difficile».
Ferraro ritroverebbe La Scala, il suo allenatore ai tempi della vittoria dei playoff in serie D: l’ipotesi garantirebbe i presupposti decisi dalla dirigenza e porterebbe entusiasmo nel progetto rossonero.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!