Sport e disabilità: nuovo capitolo in penisola

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il responsabile del progetto Giuseppe Ambrosio con tre ragazzi campioni dell'Istituto Don Orione

Sorrento – Un nuovo capitolo dello sport peninsulare è stato introdotto stamattina al Teatro Tasso nell’ambito del convegno di presentazione del progetto “Sportivamente…Abile”. Le scuole della penisola, con altri istituti della Campania, saranno parti integranti del progetto che attraverso l’attività motoria vuole rendere più agevole la riabilitazione dei soggetti diversamente abili.
Importante la partecipazione dell’Istituto Don Orione di Ercolano, all’avanguardia per quanto riguarda l’utilizzo delle attività sportive nel trattamento di disagi psicomotori, rappresentato dal direttore, don Alberto Alfarano e da alcuni ragazzi che hanno conquistato importanti titoli a livello europeo e nazionale nelle discipline in cui sono impegnati. Il convegno ha visto la partecipazione di numerosi studenti tra i quali quelli dell’Istituto F. Grandi di Sorrento. Gli sviluppatori del progetto, Giuseppe Ambrosio e Diego Perez, hanno spiegato le modalità di funzionamento del progetto che nei prossimi due anni dovrebbe coinvolgere circa diecimila alunni e il professor Francesco Saverio Ciampa ha spiegato come il lavoro, impegnativo e ambizioso, coinvolgerà le scuole interessate. Le autorità sportive del CIP e del CONI hanno patrocinato l’evento moderato dal dottor Umberto Aubry e che vuole aprire una nuova storia per i ragazzi affetti da disabilità, nella speranza di un futuro migliore per quanto riguarda le strutture che dovranno essere idonee a tale obiettivo, e in quella dell’abbattimento di pregiudizi e barriere architettoniche che sono ancora i primi ostacoli per tali soggetti. La presenta di autorità locali, che si sono mostrate sensibili e pronte ad un impegno così importante, fa ben sperare per il futuro dello sport paralimpico e di quello normodotato in costiera.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!