Gimel: una stagione a due facce

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Mister e capitano raccontano la stagione Gimel

Massalubrense – Da un lato la salvezza in C conquistata al primo anno di partecipazione con una squadra a km 0 che ha annoverato tra le sue fila prodotti genuini del vivaio santagatese, dall’altro il terribile girone di ritorno e i mille infortuni che hanno condizionato l’avventura. Questo il sunto del 2011-2012 Gimel; il capitano Marta Guadagnuolo, fermo per quasi tutta la stagione per un brutto infortunio alla spalla subito alla prima gara di campionato, commenta così il campionato: «Credo che appena iniziato il campionato, pur essendo il primo anno di C e avendo come obiettivo la salvezza, c’erano tutti i presupposti per raggiungere una posizione di media classifica.  Purtroppo come sai la stagione è stata caratterizzata dagli infortuni, 4 interventi chirurgici più un altro infortunio grave, sono quasi da record… Ovviamente questo ha avuto degli effetti anche sul morale della squadra, quindi tirando le somme a fine stagione e considerando il fattore sfortuna, posso dire che aver conquistato la salvezza matematica con cinque giornate d’ anticipo sia stato un risultato soddisfacente». La Guadagnuolo non nasconde l’amarezza per i tanti intoppi, ma vuole fare un ringraziamento speciale ai supporters sempre presenti alle gare della squadra: «Certo, resta l’ amaro in bocca per non aver potuto disputare un campionato ai nostri livelli. Ma negli anni abbiamo imparato che anche le stagioni apparentemente infruttuose con il tempo ti regalano motivi di crescita, come squadra e come società. Voglio menzionare e ringraziare i ragazzi del tifo, la nostra onda biancoblù, che nonostante le tante sconfitte e difficoltà, anche quest’ anno ci hanno sostenute con l’ entusiasmo di sempre, cantando fino all’ ultimo minuto dell’ ultima gara alla Pulcarelli. Con la certezza che l’ anno prossimo torneremo a prenderci e a regalargli qualche soddisfazione in più».
Sulla stessa linea d’onda il mister Andrea Aversa, che ha dovuto fare i salti mortali per cercare di tappare i buchi di formazione surante la stagione: «E’ stata una stagione soddisfacente e speriamo che l’anno prossimo sia migliore di quest’anno, ci fa piacere che le ragazze si stiano riprendendo dai rispettivi infortuni; tra 15 giorni si riprende per far tornare tutte le infortunate in piena forma e a luglio decideremo per la prossima stagione». Grandi soddisfazioni per la Gimel anche dal settore giovanile: l’under 14 ha sfiorato la vittoria del campionato provinciale e il minivolley parteciperà invece alla giornata provinciale a Nola. Intanto, Grazia Marciano, in prestito con il Centro Ester Barra, ha raggiunto il secondo posto alla fase interregionale con l’under 18. Una bella notizia dopo l’infortunio che l’ha colpita e che dà lustro alla società. Aversa lancia uno sguardo al prossimo anno: «L’augurio è che rimangano tutte le ragazze, siamo una squadra piena di elementi giovani del luogo e anche l’anno prossimo il nostro obiettivo sarà la salvezza con l’obiettivo di far crescere le ragazze locali».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!