Vico: replica di Donnarumma al nostro articolo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Giuseppe Donnarumma, chiamato in causa da un articolo di Sportinpenisola, ha voluto replicare

Vico Equense –  Chiamato in causa nell’articolo di chiusura sul campionato del Vico Equense del nostro sito, pubblicato lo scorso 17 maggio, l’ex capitano Giuseppe Donnarumma ha voluto fornire il proprio punto di vista  su quanto affermato e sulla fine del suo amore con il Vico.
«Non sono mai stato messo in discussione, nè a Vico in Eccellenza e Interregionale nè in serie C, ma improvvisamente mi è accaduto in Promozione – ha spiegato l’ex Sorrento -. Dispiace. Probabilmente c’era qualcosa che non andava comunque, ma forse non ero io».
Donnarumma difende le sue prestazioni in campo, ricordando di aver sempre dato il massimo per il Vico con professionalità, anche nell’attuale serie di appartenenza della squadra.
«Posso dire che la Promozione è più difficile perchè non la si è affrontata con giocatori come Napoli, Loreto, Burgos, Trapani e Violante – continua il calciatore -. In alcuni episodi non mi sono sentito difeso neppure dai miei compagni nella spiacevole situazione che ho vissuto e non so il perchè. Io sono sempre stato abituato ad andare in campo per allenarmi, poi doccia e a casa. Il mio addio non è un caso isolato, è successo anche a Scarica lo scorso anno e a Lucarelli in chiusura di stagione».
L’ex vicano non nasconde la sua delusione per l’epilogo del periodo trascorso a Vico.
«Mi è stato detto che facevo troppi riferimenti al passato, ma parlare di un passato vincente credevo potesse essere di aiuto, ma non è stato così e non credo di aver mai mancato di rispetto a qualcuno – conclude Donnarumma -. Ora mi sento come un’amante tradito dalla propria compagna di vita, perché io avevo scelto Vico  e il Vico per tanti motivi, ma quando sono andato via mi sono sentito mortificato».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!