Avallone: “Oggi tutto male, serve l’impresa”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Le parole del ds Avallone in sala stampa dopo la sconfitta con il Carpi

Sorrento – Allenatore e giocatori nel dopopartita hanno ancora una volta disertato la sala stampa, dove si èpresentato il ds Sasà Avallone, che ci ha messo la faccia con serenità, anche dopo la scoppola durissima in casa con il Carpi.
«Non siamo stati all’altezza ma dobbiamo vedere dove iniziano i meriti loro e i nostri demeriti – ha detto il direttore – Lo 0-1 ha complicato tutto, ora serve un’impresa ma il calcio mi ha insegnato che tante volte le imprese possono riuscire, dobbiamo lavorare e sperare di fare un miracolo domenica». La speranza di riuscire è molto flebile: con il Carpi visto oggi all’Italia e soprattutto con l’impalpabile Sorrento di oggi, la vittoria con due gol di scarto che serve per il passaggio del turno sembra una chimera: «Carpi ottima squadra, non abbiamo gettato il cuore oltre l’ostacolo – ammette -, è stato tutto negativo, prendiamo le critiche, da direttore sportivo posso solo metterci la faccia, ora dobbiamo solo lavorare, dobbiamo crederci per rispetto dei tifosi e per noi stessi». Il Sorrento paga un approccio completamente sbagliato alla gara: primo tempo passato a cercare di contenere un Carpi incontenibile e gambe tagliate all’inizio della ripresa a causa del gol di Ferretti. In mezzo, una traversa di Ginestra che è troppo poco per parlare di squadra viva e di risultato immeritato per i romagnoli: «C’era entusiasmo, voglia ma abbiamo fatto tutto ciò che non dovevamo e siamo stati traditi dalla tensione e dalla troppa voglia di far bene – conclude Avallone -, anche se questa non vuole essere una giustificazione alla prestazione. Bravo il Carpi a non farci giocare: dobbiamo lavorare soprattutto sulla testa perchè ora c’è scoramento».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!