Negri:”Grazie ragazzi un’impresa incredibile”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Anche se non gli piace la definizione, Alberto Negri potrebbe essere definito il Pozzo dei poveri per come ha saputo puntare sui giovani e ottenere la salvezza in Promozione

Sant’Agnello – Fare le cose per bene partendo dal settore giovanile per realizzare le imprese più impensabili. Sarà sana follia, ma in casa Fc Sant’Agnello è la realtà. Il presidente Alberto Negri ha portato a termine una stagione incredibile con i suoi ragazzi conquistando la salvezza al San Costanzo di Capri espugnato per 3-2.
«Dovevamo vincere e l’abbiamo fatto disputando una grande partita – commenta il massimo dirigente costiero -. Tutti hanno risposto bene come applicazione in campo, gioco e determinazione. Voglio ringraziare la squadra che mi ha dato questa grande gioia e il mister Guarracino che ci ha sempre creduto portando alla fine un campionato in crescendo».
Potrebbe essere definito il Pozzo dei poveri, Alberto Negri per aver, con un manipolo di Juniores e alcuni uomini di esperienza, salvato una categoria che i più davano per persa già prima della preparazione estiva.
«Il Pozzo dei poverinon mi piace tanto, ma è vero con tanti giovani abbiamo ottenuto una salvezza della quale nessuno ci accreditava – analizza Negri -. Abbiamo fatto un grande girone di ritorno dove ci siamo imposti in tutte le partite alla nostra portata sbagliando pochissimo. Mi hanno sbalordito tutti per l’atteggiamento, la cattiveria agonistica e lo spirito di fare gruppo dimostrato anche a Capri».

"Il premio salvezza? Forse chiederemo il ripescaggio in Eccellenza" dichiara il presidente del Sant'Agnello

Era stato uno dei primi picchettatori verso i suoi ragazzi quando per indecisioni e piccoli errori si dilapidavano punti nel girone di andata. Ora ha una parola dolce per tutti. La salvezza ottenuta ha ammorbidito anche il massimo dirigente.
«E’ vero sono stato il primo critico spietato della mia squadra, ma perché sono sempre stato consapevole del valore dei ragazzi – spiega il presidente -. Con pochi euro è stata messa su una squadra che ha lottato alla grandissima sino alla fine anche con nove under in campo come a Capri. Se avessimo fatto come nell’ultima partita di certo avremmo chiuso il campionato ancora meglio e in posizioni più tranquille».
In tempo di pagamenti di rimborsi o premi salvezza, Negri ha dalla sua l’opportunità di premiare il proprio team con un bagno tonificatore di mare e la richiesta di ripescaggio in Eccellenza.
«Il ritorno da Capri è stato dolcissimo anche se son tornato a casa zuppo d’acqua – conclude il massimo dirigente bianco azzurro -. La scelta dei gommoni è stata dettata dalle contingenze. Ora come premio, considerato il giovane gruppo, faremo il computo dei punteggi per richiedere l’accesso all’Eccellenza. I ragazzi hanno meritato questa vetrina sul campo».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!