Porzio:”Massa abbiamo fatto un piccolo miracolo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La dedica di Porzio:"A società, squadra e famiglia"

Massa Lubrense – «Abbiamo fatto un piccolo miracolo». Esordisce così furetto di Arola Ciro Porzio autore della prima rete che ha permesso al Massa Lubrense di sbloccare la contesa con il Faiano.
Era una partita in cui contava arrivare in fondo mantenendo la categoria senza se e ma e i nero azzurri hanno svolto il compito alla perfezione.
«Avevamo tutti tanta tensione e l’abbiamo incanalata nel modo giusto – commenta l’attaccante costiero -. Non mi sarei mai aspettato una prestazione così convincente  da parte di tutti, non per mancanza di fiducia, ma perché non ci eravamo mai riusciti nel corso dell’anno».
Alla vigilia erano più i timori di fallire che le certezze di riuscire. Il Faiano era una squadra esperta con elementi che avevano già lottato per questi obiettivi, mentre i massesi avevano un gruppo misto di chi era alle prime armi con la categoria e di chi scendeva, dopo aver chiuso come under dalla serie D, in Eccellenza.
«Ottenere la salvezza sul nostro campo con un risultato del genere è una boccata d’ossigeno forte – spiega il bomber andato in doppia cifra quest’anno -. Siamo un gruppo giovane che con tanto sacrificio è riuscito nell’obiettivo prefissato ad agosto».
Non si fa pregare sulla dedica da fare.
«Società, squadra e famiglia – conclude Porzio -. Ogni piccolo fattore ha dato quel qualcosa in più. Vedere al Cerulli per questa occasione circa 400 persone è stata una grande emozione»

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!