A Manfredonia vince Nikandrov, Cinque chiude nono

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Raffaele Cinque ha chiuso al nono posto la dura Gran Fondo del Gargano

Manfredonia – Va davvero vicino al successo il Team ciclismo Sorrentino con Raffaele Cinque nella Gran fondo del Gargano  che tiene le ruote dei migliori sino a poco dal termine, ma conclude a circa due minuti dai vincitori.
Ad imporsi sul tragurado di Manfredonia è stato Nikandrov della Val di Fori Cycling che ha preceduto allo sprint Miglionico (Pedale Fermano) e D’Ascenzio (GC Melania).
La gara vive sugli spunti dei singoli che però vengono ben rintuzzati dalle formazioni più forti in gruppo.
Un circuito molto duro considerati i suoi 150 km di lunghezza e un dislivello complessivo di oltre 2000 metri.
Sul G.P.M. della Foresta Umbra, sono passati in ordine Ciccarese, Centofanti e leggermente staccato Martellotta che ad inizio discesa è stato ripreso dai big di giornata: i vari Nikandrov, Mattioli, Miglionico, Cannone, Colletta, D’Ascenzo, Sivo, Cinque e Gentile.
Nei chilometri successivi, il valzer degli attacchi del funambolico Michele Miglionico in discesa che sono stati prontamente rintuzzati dai compagni di fuga D’Ascenzo, Colletta, Nikandrov.
In cima alla salita del Carpino (634mt) in prossimità della Masseria Amillotti con una pendenza media del 9% si sono avvantaggiati in cinque per poi proseguire sino all’arrivo: Colletta, D’Ascenzo, Mattioli, Miglionico e Nikandrov.
A due km dal traguardo la sfortuna colpisce nuovamente Gaetano Colletta, che dopo il ritiro di Monopoli per guai meccanici, questa volta deve arrendersi ad una stupida alquanto decisiva foratura. Il tempestivo intervento dell’ammiraglia gli consente di perdere pochi secondi, ma decisivi.
All’attacco dell’ultima erta non riesce a tenere il ritmo nessuno del Team Ciclismo Sorrentino, Cinque lotta con tutte le sue forze, ma chiude con 120 secondi di ritardo. Nono la termine della dura corsa è terzo tra i cadetti.
Stefano Sbaratta al termine della dura kermesse pugliese è ventesimo assoluto e sesto tra gli Junior, mentre Gaspare Cappiello è trentatreesimo nella generale e decimo tra i senior.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!