Terra: “Siamo uniti intorno all’obiettivo comune”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ernesto Terra racconta la serenità dello spogliatoio rossonero

Sorrento – Comincia il conto alla rovescia verso la sfida interna con il Carpi valida per l’andata della semifinale playoff della prima divisione di Lega Pro. Il Sorrento ha conquistato l’ultimo punto utile all’ultimo secondo della sfida con il Pisa, con una rete di Basso, e ora vuole centrare l’obiettivo sfumato l’anno scorso contro il Verona. Il difensore Ernesto Terra fa il punto della situazione: «E’ stata una stagione positiva – dice -, arriviamo ai playoff più consapevoli dello scorso anno e possiamo pemetterci di pensare partita per partita senza ossessioni, ma daremo tutto per cercare di raggiungere il risultato. Veniamo da un mese positivo e abbiamo avuto un buon atteggiamento soprattutto mentale». Un atteggiamento confermato con il pareggio all’ultimo istante in Toscana, in una partita in cui il Sorrento non ha abbassato la guardia pur pago della raggiunta qualificazione: «La partita di Pisa era a rischio – ammette l’esperto centrale -, loro erano in forma e noi avevamo speso tanto, al 90% se non avessimo avuto il giusto piglio mentale avremmo perso 2-0. E’ stata una grande prova e un punto comunque importante».
L’ex Catania e Atalanta racconta l’atmosfera dello spogliatoio rossonero avendo già vissuto questi attimi adrenalinici nella scorsa stagione: «Abbiamo il morale alto, non ci sono tensioni e cali di concentrazione – continua Terra -, siamo consapevoli di noi stessi. Tutte le squadre hanno il 25% di possibilità e noi ci teniamo a fare bene, ora non conta il passato, ciò che conta è solo adesso: peggio dello scorso anno non può andare, ce la metteremo tutta». Il Sorrento fa fronte comune, mettendo da parte i singoli per il raggiungimento di un obiettivo concreto più che mai: «Siamo alla resa dei conti, siamo uniti intorno ad un obiettivo comune al di là di chi scenderà in campo – conclude Terra -, senza pensare all’io. Ovviamente ognuno di noi darà il massimo per sperare di esserci, tutti lavoreremo al massimo con serenità e senza guardarsi indietro».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!