Vele di Levante: i capricci di Scirocco sulla Capri – Stabia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Era previsto Scirocco sul campo di regata, e Scirocco è stato. Fin dalla partenza è arrivato sostenuto davanti a Capri, regalando una partenza di bolina al fulmicotone con gli equipaggi ben sopravvento. Dopo la boa di disimpegno pochissimi azzardano lo spinnaker, ma inevitabili straorzate, consigliavano meno bellicosi propositi. Le raffiche al traverso, nelle Bocche di Capri, fino a 20 nodi, fanno volare le imbarcazioni a velocità di tutto rispetto, tanto che il grosso della flotta, in poco più di 30 minuti è già al Capo di Sorrento. Lo Scirocco, è noto come un vento capriccioso, anzi dispettoso, in particolare sulla costa sorrentina: si infila nei valloni uscendo poi a ventaglio sul mare, spesso a raffiche . Fino a Vico Equense è un festival di  alzate e ammainate di spinnaker, ma dopo le ultime raffiche di Marina di Aequa, Eolo incomincia a soffiare sempre più dai quadranti portanti. Se ne avvantaggiano i regatanti, ma anche curiosi, appassionati, turisti e distratti automobilisti della domenica in coda sulla statale sorrentina: è uno spettacolo di sport, vela e colori. Al traverso del Crown Plaza, c’è uno strappo finale, l’ultima salita di bolina e successiva breve discesa verso l’arrivo: in poco più di un miglio,  molti equipaggi si giocano un piazzamento a colpi di virate e poi strambate, fino alla boa finale, dove gli ufficiali di regata, appostati sul lido, certificano il traguardo, e forse approfittano per una prima tintarella.
Ancora una volta, organizzazione perfetta del Comitato Organizzatore VDL.
Per quanto riguarda i dati statistici, ed in particolare il comportamento degli equipaggi costieri, si segnalano nelle rispettive classi, il terzo posto di Arianna – LNI Vico Equense (Minialtura B) e  il secondo di My Dreams – YC Mar. Cassano (Libera A). Performance di Sbrendola – YC Capri primo il Libera A. Primo in tempo reale Work in Progress, Bonin 36 dell’armatore Renato de Santis del CN Arcobaleno – Torre Annunziata .

Classifica completa (fonte www.veledilevante.it)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!