Libertas chiude sesta: battuta la Due Principati

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Libertas sesta in serie D dopo la vittoria di ieri

Sorrento – Un 3-0 senza appello che se da un lato impreziosisce il bel campionato delle sorrentine alza di un’ottava la nota di rammarico per qualcosa che poteva essere e non è stato per i punti persi nella prima parte di campionato. Tutte in campo le ragazze della squadra e grande entusiasmo sugli spalti con i tifosi che hanno omaggiato le atlete costiere con uno striscione di incoraggiamento.
Nessun problema per la squadra di Morelli contro la formazione di Baronissi che chiude comunque undicesima in classifica davanti alla Wessica Avellino, altra vittima di un girone di ritorno fenomenale per la Libertas: otto vittorie in tredici partite, unite alle sette dell’andata, sono segno di una grande concretezza e di un grande spirito di gruppo che fa ben sperare per un risultato migliore in vista del prossimo campionato. L’obiettivo playoff non è proibitivo, soprattutto se il carattere delle ragazze in campo rimarrà quello di partite come la bella vittoria con l’Abatese in casa e la rimonta incredibile sulla Ribellina nella terzultima giornata. Il commento di Ilaria Iaccarino è diviso tra il dolce della soddisfazione e della vittoria e l’amaro della possibilità degli spareggi: «Se avessimo avuto meno incertezze nelle fasi iniziali del campionato saremmo arrivate tranquillamente ai play off…la Libertas di oggi se lo meriterebbe, perchè è una squadra diversa, consapevole, unita e forte. Un ringraziamento ad Adriano Morelli che, nonostante le difficoltà, ci ha guidato fino alla fine con ironia, entusiasmo e qualche “cazziatone” più che meritato».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!