Gimel, sconfitta e festa salvezza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Gimel sconfitta e salva: ora si guarda al prossimo campionato

Massalubrense – Non riesce il miracolo alla Gimel Sant’Agata nell’ultima giornata di campionato giocata alla Pulcarelli contro l’Albakyara Volley Cercola che ha espugnato la palestra massese ma non sporcato la festa salvezza delle gimelline che finalmente possono gettarsi alle spalle il campionato 2011-2012, caratterizzato dalla sfortuna, per pensare alla prossima stagione.
La squadra di mister Aversa ha lottato fino all’ultimo per riuscire ad impreziosire l’ultima giornata almeno con un punto e ha messo in campo tutto: senza la Amitrano, la Aversa e con la Marciano dopo due mesi in panchina, la Gimel ha cercato di ribaltare un risultato di due set a zero per Cercola senza riuscirci ma entusiasmando il proprio pubblico con una grande rimonta nel terzo e nel quarto set.
Nel primo e nel secondo parziale le due compagini hanno lottato punto su punto, ma l’Albakyara ha approfittato dello stato di grazia del suo libero, capace di bloccare praticamente ogni tentativo d’attacco della Gimel, e di un buon muro allungando nel finale. Il terzo set sembrava dovesse condannare le santagatesi all’ennesimo 3-0 in campionato ma l’orgoglio e la spinta dei tifosi hanno permesso una vittoria ai vantaggi che faceva ben sperare per la conclusione positiva della gara. Sulle ali dell’entusiasmo la Gimel è partita a razzo nel quarto set, riuscendo ad accumulare un vantaggio di 9-3 fiaccando la resistenza avversaria, poi un improvviso calo e la stanchezza hanno permesso a Cercola di riportarsi sotto e di chiudere il set.
Un 1-3 indolore per la Gimel che chiude così il primo storico campionato di serie C con la salvezza conquistata con un gran girone d’andata, accumulando i punti necessari ad affrontare un ritorno da incubo, tra gravi infortuni e conseguenti sconfitte: si può guardare avanti con fiducia e con la speranza di ripetere o migliorare il miracolo.

Gimel Sant’Agata – Albakyara Volley Cercola 1-3
Gimel – Aversa C., Aversa A., Mastellone, Gargiulo, Casa, Palomba, Esposito S., Guadagnuolo, Aversa S., Amitrano, Marciano,  Esposito G., Staiano.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!