Ruotolo:”Sorrento ora viene il bello”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ruotolo:"Forza Sorrento ora viene il bello"

Sorrento – Parola d’ordine entusiasmo. In casa Sorrento animi rilassati e sorrisi nel corso dell’allenamento che ha preceduto la conferenza stampa di Gennaro Ruotolo. Sembrano lontani anni luce i volti tirati e le poche parole dette nelle settimane antecedenti la sfida cruciale con la Pro Vercelli.
Alla vigilia di un incontro, che potrebbe portare in dote ai rossoneri il terzo posto se i piemontesi battessero il Carpi e i campani espugnassero l’Arena Garibaldi,  il condottiero di Santa Maria a Vico mantiene alta la tensione.
«Qualsiasi tipo di partita è importante guai a sottovalutare gli avversari – spiega il trainer peninsulare -. Bisogna far capire anche agli altri che noi ci siamo giocando come sappiamo. Prendere sottogamba la contesa di domenica non mi va anche perché non voglio fare figuracce».
E’ sereno e mette in evidenza il fattore entusiasmo come quello determinate per raggiungere i risultati sperati.

“Partita dal fascino particolare. Bisogna giocarla al meglio” (foto Penna)

«Con la voglia e il sorriso si rende di più in partita e permette a tutti di allenarsi al massimo – spiega  l’allenatore -. L’entusiasmo ti consente di fare le cose per bene e di compattare l’ambiente come è successo domenica dove squadra, società e tifosi erano tutti dalla stessa parte».
Un allenamento svolto a buoni ritmi, ma nel quale è stato presente per tutta la settimana il pallone perché con lo spirito giusto si corre il doppio anche nella partitella in spazi ridotti.
«L’ho provato prima da giocatore e ora lo faccio ripetere da allenatore. Ci si diverte e si lavora di più anche perché adesso tutto diviene più bello».
Un match non semplice quello in Toscana per il Sorrento anche perché il Pisa è reduce dalla cocente sconfitta in Coppa Italia di Lega Pro, maturata negli ultimi istanti della sfida con lo Spezia. I nero azzurri in questo finale di campionato non hanno regalato nulla a nessuno e per tal motivo la partita sarà da prendere con le molle.
«E’ un campo straordinario. Una sfida con un certo fascino contro una squadra dal passato importante – conclude Ruotolo -. Dobbiamo restare uniti per provare a centrare anche il terzo posto. Il Pisa di certo non regalerà nulla ed è giusto così, sarà nostro compito batterlo».
Sul fronte formazione ancora si ragiona sull’eventualità di concedere un turno di riposo ai diffidati anche perché si potrà far giocare a coloro che hanno trovato meno spazio nel corso dell’anno. Sicuri assenti Romeo alle prese con un fastidio al flessore della coscia e Croce che sta recuperando, in vista dei play-off, dallo stiramento patito in allenamento quindici giorni fa.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!