Basket U15: Magic Basket occhio al futuro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento  – Un risultato sportivo non di primo livello per la under 15 maschile della Magic Basket che incappa nella classica annata no.
Nessuna vittoria per la truppa di coach Cascella che ha però mostrato grande attaccamento ai colori sociali con impegno e dedizione perché sino alla fine c’è stata una costante responsabilità di affrontare gli allenamenti sempre al massimo.
« A livello di risultati è stato un anno non molto felice perché si conclude con una stagione a quota  zero vittorie ed ultimi in classifica – commenta coach Cascella -. Un gruppo fantastico che si è sempre allenato, è sempre stato presente anche se si perdeva. Ogni seduta tutti avevano sempre il sorriso sulle labbra e la fame di migliorare».
C’è tanto rammarico nella parole dell’allenatore che lo scorso anno ha vissuto personalmente un’annata disastrosa con la Penisola Basket incappando in 28 sconfitte consecutive cosa che non avrebbe mai augurato ai suoi ragazzi.
« Personalmente sono dispiaciuto al livello di risultati perché anche io come giocatore ho attraversato questo periodo lo scorso anno perdendo ben 28 partite consecutive e non volevo che ricadesse sui ragazzi – spiega il trainer peninsulare -, ma un girone molto equilibrato, con squadre forti, e un po’ di sfortuna, 2 partite perse dopo un supplementare ed altre negli ultimi minuti, non hanno regalato ai miei ragazzi quel sorriso che meritavano».
Non un anno da buttare. Il motivo? Semplice la crescita costante di una squadra che ha dimostrato di potersela giocare contro tutto e tutti. Il futuro? Più roseo di quello che sembra. Grazie anche al lavoro di coach Di Maio e l’innesto dei 96 tutto potrebbe cambiare come la faccia di una moneta.
«Ci è mancata la determinazione, la cattiveria agonistica per vincere che in alcuni casi si è trasformata in paura – conclude Cascella -. Anche con l’ingresso in squadra dei ‘96 il prossimo anno le cose cambieranno. Con il lavoro di coach Di Maio stiamo lavorando in prospettiva».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!