Una Gimel già salva perde 3-2 ad Arzano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Gimel sconfitta ad Arzano

Arzano – Sesta sconfitta consecutiva per la Gimel Sant’Agata ormai certa di rimanere in C anche il prossimo anno. La squadra di Aversa, tenuta insieme per miracolo considerati gli innumerabili infortuni, ha ceduto alle avversarie con il punteggio di 3-2 guadagnando un punto  ormai futile ai fini della classifica che sorride alle santagatesi in virtù dell’ottimo girone d’andata.
Con la pesantissima assenza della Amitrano oltre a quelle della lungoegente Marciano, che nella gara con la Fiamma Torrese ha accusato una distorsione alla caviglia e ne avrà per ancora due settimane, la Gimel ha provato a giocarsela  perdendo però i primi due set con il punteggio di 27-25 e con un 25-14 che ha denotato un calo di motivazioni e di gioco.
L’orgoglio delle costiere a quel punto ha prevalso ed ha permesso alla squadra di vincere il terzo ed il quarto parziale con il risultato di 16-25 e 23-25 prima del tie break che ha premiato le padrone di casa.
Purtroppo la sfortuna non ha mancato di assistere le gimelline e nel corso del quarto set ad abbandonare il terreno di gioco è stata la Aversa causa un problema al tendine d’Achille che significa probabilmente campionato finito anche per lei.
La salvezza ottenuta dalla Gimel, alla luce di quanto accaduto nel corso del campionato privando la formazione dei suoi elementi migliori, assume significati importanti e deve proiettare le ragazze con ottimismo verso la prossima stagione. Andrea Aversa commenta la gara: «Abbiamo buttato due punti al vento, siamo stati sfortunati nel primo set e poi ci siamo rilassate nel secondo. Abbiamo portato a casa terzo e quarto set ma dopo l’infortunio della Aversa abbiamo perso la testa. Ormai giochiamo per onorare il campionato ma in questa gara avevamo poco mordente e poca motivazione. Le assenze pesano ma questa non è una giustificazione».

©Riproduzione riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!