Il Sorrento sparagnino va in bianco con la Ternana

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Provvidenziale in almeno tre circostanze Generoso Rossi (foto Pollio)

Sorrento – Era una partita da vincere, ma senza rischiare la sconfitta per il Sorrento che interpreta bene la seconda parte, ma fallisce clamorosamente la prima.
Un match difficile e complicato quello contro la capolista Ternana che dimostra tutto il suo valore confermando che il primato è meritatissimo.
Le scelte di Ruotolo chiamano in causa Beati al posto di Zanetti e Bondi per Basso. Bene il primo, maluccio il brasiliano sostituito nel corso della ripresa. Le fere decimate dagli infortuni non risentono delle assenze e a centrocampo fanno la voce grossa.
Il ritmo è gradevole, ma la contesa è dura. Le due sfidanti provano a ottenere l’intera posta con tattiche diverse. Più ragionamento e circolazione palla per gli umbri, verticalizzazioni continue i rosso neri.
L’aria della Campania fa bene a Miglietta che nella prima frazione di gioco è il più pericoloso, i costieri si coprono pressano e provano a ripartire sin quando Croce ne ha.
Lo zero a zero di inizio gara non si sblocca sino all’intervallo, ma il Sorrento recrimina per un fallo di Miglietta su Bondi in area non sanzionato da Fabbri.
L’unico tiro in porta della squadra di casa sarà una punizione di Bondi al trentesimo del primo tempo davvero troppo poco per vincere.
I rosso verdi si dimostrano più squadra. Quadrati a centrocampo e pungenti sugli esterni costringono il Sorrento a chiudersi e buttar via la palla, ma Ginestra, troppo solo, non riesce mai a far salire i compagni che Ambrosi lo vedono poco e da distanza siderale.
Rossi, invece, è provvidenziale in almeno tre circostanze quando gli ospiti stringono d’assedio l’area di rigore rosso nera. Di paratissime neppure l’ombra, ma la costante apprensione con cui i palloni vengono messi al centro fanno correre più di qualche brivido.
A dieci dal termine Bonomi e Terra affrontano Giacomelli al limite, Fabbri sanziona l’intervento, si consulta sul guardalinee e decide per una punizione dal limite tra le proteste degli umbri.
Buono tutto sommato il punto conquistato, ma resta l’amaro in bocca per non averci neppure provato nel secondo tempo quando l’acido lattico ha iniziato ad annebbiare le idee e le sortite offensive i costieri le hanno centellinate con il contagocce.

Sorrento – Ternana 0-0
Sorrento: Rossi, Vanin, Terra, Di Nunzio, Bonomi, Bondi (13’st Corsetti), Camillucci, Beati, Croce,Carlini, Ginestra (29’st Scappini). A disposizione: Chiodini, Romeo, Sabato, Niang, Maritato.
Allenatore: Ruotolo
Ternana: Ambrosi, Ferraro, Pisacane, De Giosa, Fazio (40’st Gotti), Miglietta, Cejas, Dianda, Giacomelli, Litteri (37’st Docente), Sinigaglia. A disposizone: Virgili, Camillini, Arrigoni, Rinaldi, Della Penna.
Allenatore: Toscano
Arbitro: sig. Fabbri
Note: Spettatori 1000 circa. Ammoniti: Ferraro, Vanin, Croce, De Giosa, Dianda, Camillucci, . Angoli: 5-9 per la Ternana. Recupero: 0’pt, 2’st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!