Lacrime napulitane

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ancora un successo per la Juve di Antonio Conte (foto Franco Romano)

Sarà battaglia senza esclusione di colpi sino al novantesimo minuto della trentottesima gionata tra Milan e Juventus per l’assegnazione dello scudetto tricolore.
I bianconeri di Conte hanno rosicchiato due punticini alla truppa di Allegri schiantando il Napoli allo Juventus stadium. Troppo femmina il Napoli formato trasferta. Timoroso, titubante, quasi spento al cospetto di una squadra la cui bramosia di successo non conosce confini.
I piemontesi offrono un gioco piacevole e una fame insaziabile. Le reti di Bonucci, Vidal e del rinnegato Quagliarella i tre babà rifilati ai campani, che sono tornati per la prima volta dal 2009, quella volta decise Marchisio, con zero punti da Torino.
La Stramaccioniana Inter batte il Genoa, in una gara rocambolesca, e mette il timbro postale verso la Sicilia a Pasquale Marino che Preziosi ha deciso di sollevare dal suo incarico.
La lotta Champions vede la Roma avvicinare tutte le altre che hanno perso punti per strada e mai come quest’anno il cammino sarà avvincente, ma ricco di trappole perché in coda Fiorentina, Genoa e Lecce si giocano la permanenza nella massima serie.
I viola ancora battuti al Franchi, questa volte sorride il Chievo di Di Carlo, hanno un attacco asfittico basato tutto sulle magie di JoJo Jovetic e si vede. Amauri non inquadra lo specchio e le questioni interne ed esterne solo il sale su una ferita aperta che rischia di procurare danni enormi.
Questo in campo, mentre nelle aule di giustizia è iniziato a svilupparsi il nuovo tornado che colpirà il mondo del calcio. Non era possibile fermare tutto prima? Forse si, bastava ascoltare il grido di aiuto lanciato da Quadrini, allora giocatore del Sassuolo?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!