Gimel sconfitta dalla Fiamma Torrese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Gimel a un passo dalla salvezza anche contro la sfortuna

Massalubrense – Non era la partita più facile per cercare quella vittoria che manca da ormai sei gare, ma la Gimel Sant’Agata ha dato tutto per riuscire ad affrontare la seconda forza del campionato, quella Fiamma Torrese distanziata solo di due punti da Benevento, squadra con la quale darà vita ad un finale di campionato infuocato.
La squadra di mister Aversa ha subito fatto capire di non voler soltanto subire le avversarie che hanno schierato in campo la Giglio e la Lauro, due atlete costiere che hanno giocato il derby in casa pur difendendo i colori torresi. Nel primo set le gimelline sono riuscite a tenere sino ai 16 punti quando la Fiamma ha indovinato un filotto finale per il punteggio di 16-25.
Il secondo set è stato caratterizzato dalla sfortuna, che continua a perseguitare la squadra di Sant’Agata con l’infortunio della Amitrano che in uno scontro di gioco con la Esposito ha riportato la sospetta distorsione della caviglia. La Fiamma approfitta del momento di sconforto della squadra, alle prese con il quarto infortunio serio della stagione dopo quelli del capitano Guadagnuolo, della Esposito e della Marciano che hanno decimato la formazione e porta a casa il set senza troppe difficoltà.
Nel terzo parziale la Gimel lancia il cuore oltre l’ostacolo e riesce a tener testa sino all’ultimo alla Fiamma che vince di soli 4 punti. Da segnalare, dopo quasi cinque mesi di assenza, il ritorno in campo di Marta Guadagnuolo che torna finalmente a comandare la squadra costiera dopo l’operazione alla spalla per un infortunio subito alla prima di campionato.
La Gimel è lontana solo a causa della matematica dalla salvezza al primo anno in C e potrà raggiungere il suo obiettivo già nella prossima gara esterna contro Arzano, battuta 3-0 in casa all’andata.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!