Sorrento, Attilio Gambardella:”Silenzio stampa non imposto. Se si vince ben venga”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

"Il silenzio stampa? Probabilmente figlio delle tensioni della settimana" per Attilio Gambardella (Foto Romano)

Sorrento – «Tutti zitti per solidarietà al mister». Poche e chiare parole da parte di capitan Vanin che a sorpresa si presenta in sala stampa e lascia noi cronisti con un palmo di naso.  Il gesto solidale nei confronti di mister Ruotolo entrato nell’occhio del ciclone dopo il trio di partite sottotono che i rossoneri hanno disputato con Foligno, Spal e Carpi.
I costieri però commentano il match contro il Viareggio grazie alle parole del vice-presidente Attilio Gambardella.
«Bella e corroborante vittoria oggi – commenta il dirigente costiero -. C’è stata la risposta della squadra alla dirigenza che si attendeva un cambio di rotta. Il Viareggio era reduce da tre risultati utili consecutivi e si è dimostrato un osso duro. Bravi a sbloccarla presto e chiuderla subito nel secondo tempo con i goal di Ginestra».
Sul fattore bocche cucite in casa rossonera il vice presidente prova a dare la sua spiegazione. Il gesto, infatti, ha colto di sorpresa anche i vertici del sodalizio di via Corso Italia.
«Non c’è un silenzio stampa imposto dalla società – spiega Attilio Gambardella -. Cercheremo di capire a cosa sia dovuta questa scelta. Probabilmente è stata dettata da una settimana carica di tensioni. Se dovesse portare vittorie, però, ben venga».
A Como l’infortunio dell’arbitro costringerà i lariani e il Taranto a ripartire da capo. Il dirigente pone, però, l’attenzione a quello che faranno solo i giocatori del Sorrento.
«Non guardo a quello che faranno gli altri – conclude il figlio di patron Mario Gambardella -. Noi siamo artefici del nostro destino. Non dobbiamo fermarci più per centrare un risultato importantissimo. Gli esiti delle altre partite passano in secondo piano».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!