Rapesta felice dopo il gol all’Ercolano: “Meritiamo questi risultati”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Rapesta felice per il primo gol in campionato. Il Vico vola

Vico Equense – L’Ercolano era passato in vantaggio nella sfida delicata tra la seconda e la terza classificata del campionato di Promozione, ma un gol del capitano vicano Francesco Rapesta ha rimesso ordine in campo aprendo la strada alla importantissima vittoria del Vico chiusa dal gol di Serio,  che blinda il secondo posto con il diciassettesimo risultato utile consecutivo. «Siamo partiti male – spiega il difensore -, loro sono andati in vantaggio ma siamo riusciti a ribaltare il risultato conquistando tre punti importantissimi per il nostro campionato». Capitano fatto in casa, Rapesta ha trovato la prima rete in campionato, una gioia meritata per l’abnegazione che mostra in campo: «Sono contento soprattutto per la squadra – spiega – e non solo per la rete, il gol ha dato più carica, sono felice, meritiamo tutto ciò che stiamo facendo».
I numeri parlano chiaro, il Vico non perde da una vita, e gioca il miglior calcio del girone; lo dicono le vittorie con Cicciano ed Ercolano, battute sia all’andata che al ritorno e sempre in maniera netta. Il Vico volava basso all’inizio del torneo, ora dispiega le ali più in alto possibile ma c’è rammarico per quello che poteva essere, perchè il secondo posto sta stretto a questo team: «Poteva andare diversamente ma siamo partiti con un altro progetto, poi abbiamo conquistato le alte posizioni -continua il difensore -. 17 partite senza sconfitte sono tante, abbiamo lavorato tanto… Il rammarico c’è ma è più la soddisfazione per quello che stiamo facendo». La situazione attuale permette di sognare: certo, ci sono i playoff, ma il pensiero vola ai fasti perduti qualche tempo fa: «E’ ancora presto per pensare al prossimo campionato – conclude Rapesta -, ci sono ancora quattro partite, dobbiamo confermare il secondo posto, iniziamo a pensare ai playoff».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!