Sorpresa Mastellone. Il vice presidente si dimette

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il vice presidente Gaetano Mastellone

Appena terminata questa mia dichiarazione pubblica fatta a mezzo stampa, manderò al Presidente Mario Gambardella la mia lettera di dimissioni dalla carica di Vice Presidente.
Una persona come me, abituata all’aziendalismo puro ed al comportamento corretto, deve dare, quando non si è d’accordo con alcune scelte strategiche fatte, le sue dimissioni. Se il Presidente le accetta sono subito operative, se le respinge perché desidera avere ancora vicino a sé una persona, sorrentina, leale e desiderosa di dare ancora di più alla società allora mi prenderò qualche giorno per riflettere. Penso di essere stato corretto, coerente e rispettoso verso la società e verso i Tifosi che per me sono la parte più importante della questione e devono sempre conoscere verità e posizioni. Ripeto, i Tifosi meritano le verità e meritano anche rispetto comportamentale. Sono da qualche tempo molto amareggiato di questo mondo del calcio in generale, anche di quello sorrentino che rispecchia specularmente i comportamenti di tutta la città; si va avanti per amicizie, per machiavellismi e poco conta la professionalità. Io mi tiro indietro con la forza di aver canalizzato dall’ottobre 2010 a oggi una cifra importante, un importo a sei cifre, maggiore dei tanto decantati contributi dei vari “galletti” che in realtà rovinano e distruggono valore societario. Ieri sera c’è stata una riunione di vertice a Pagani presso l’ufficio del Presidente Gambardella. Siccome ero fuori per motivi di lavoro sono stato subito informato della decisione assunta dal gruppo dei dirigenti presenti e della”spinta” rassicurante di lasciare tutto invariato date dal Dg Scala con l’avallo del Vice Presidente dott. Franco Ronzi. Io non entro, come altri, nel fatto tecnico perché nell’organigramma societario non mi compete, anche se, per i miei trascorsi sportivi sul campo, ne posso avere, e ne ho, la giusta competenza per farlo eventualmente a differenza di coloro i quali si definiscono “santoni del calcio”. Annoto che, da oggi in avanti, ognuno degli attori coinvolti nella decisione assunta dovranno assumersi le loro responsabilità. Trincerarsi da semplici tifosi quando si decide, con la collaborazione di altre persone, pesantemente sulle scelte strategiche a me non piace. Leggendo le dichiarazioni appena fatte dall’amico Attilio Gambardella prendo atto della decisione morbida di continuità assunta, prendo atto che il Dg Scala ha detto che a Carpi (però non si parla di Foligno e della gara interna con la Spal) si è perso per degli “episodi” e mi auguro che sin da domenica, e per tutte le prossime gare, si possa vedere in campo un Sorrento guerriero e atleti con la maglia sudata! Una conclusiva annotazione desidero farla sul calcio professionistico di oggi, esso è solo denaro e divertimento extra campo di gioco, non esistono più l’amore per la maglia e l’affetto per i Tifosi. Chi vive intorno al calcio lo fa solo per affari o per visibilità. Io non ho bisogno né di far affari né di visibilità e per questo sono molto amareggiato, quasi disgustato. Vorrei anche che tutti ricordassero che a Sorrento abbiamo avuto la fortuna di avere dei “non sorrentini” come i Gambardella che hanno investito – senza alcuna contropartita d’affari ed è bene che tutti lo sappiano – tanto, e poco hanno avuto come sentimento d’affetto. Io sono totalmente dalla parte della famiglia Gambardella e non mi crea imbarazzo l’essere imparentato con Gianluigi Aponte è persona seria e che mai è voluto entrare personalmente nelle scelte societarie. Per l’occasione desidero riportare “un pensiero” che il 13 luglio 2011, in periodo di crisi societaria, Gianluigi mi espresse con una sua mail.
<Caro Gaetano, sono contento di sentirti soddisfatto per il lavoro svolto per il Sorrento Calcio. Io ho fatto il mio dovere, ma purtroppo non ho il tempo per dedicarmi ai dettagli ….. Per quanto mi riguarda preferirei che ci limitassimo a gestire il Sorrento senza fare “troppa ammunia” con modestia, razionalità e direzione. Bisogna cercare di andare in serie B lavorando sulla squadra, sull’atmosfera fra i giocatori, allenatore, ecc … ecc … e fare un “team work” volto a raggiungere traguardi sportivi. La pubblicità, la notorietà non servono a niente … Dobbiamo fare i fatti, raggiungere i risultati attraverso un lavoro serio costante e professionale. Questa è la mia semplice opinione che spero sia anche quella del Sig. Gambardella, ma a parte il fatto che ho contribuito, non sta a me dire cosa fare e come operare ma unicamente al Sig. Gambardella….>.

Bene, io ho assunto a modello comportamentale quando dettomi da Gianluigi Aponte, e spesso mi domando se altri lo fanno! Questo mio comunicato, oltre che alla stampa è stato inviato al Presidente Gambardella ed al dott. Gianluigi Aponte in quanto persona che mi ha sempre seguito nell’attività specifica del Sorrento calcio. Mi auguro che il Sorrento Calcio abbia il suo futuro che merita, a iniziare da uno Stadio decente. Mi auguro che si punti per l’anno prossimo su una riorganizzazione aziendale fatta da manager professionisti; il dilettantismo di tanti è deleterio. Forza, forza Sorrento.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



3 thoughts on “Sorpresa Mastellone. Il vice presidente si dimette

  1. Maresca Francesco

    Finalmente una persona che ha gli attributi e che dice quello che deve dire; dott. Mastellone mi complimento per la sua solita trasparenza e per i suoi soliti modi chiari.

  2. Castellano D.

    Mi spiace diqueste dimissioni, un sorrentino vero che lascia! Le dimissioni le dovevano dare un paio di persone del settore tecnico. Ma nella vita ci vuole coraggio! Concordo sul fatto che il calcio attuale è malato e che gli atleti pensano ai soldi ed alla bella vita sorrentina…..

  3. ANTONINO D.

    Dott. Mastellone, spero che lei possa tornare sui suoi passi, partendo proprio
    dalla riflessione estiva fatta dal grande comandante Aponte, il Sorrento calcio
    ha bisogno di persone serie,professionalità e competenza….ma in questo momento anche e soprattutto di una società unita per raggiungere il traguardo
    della serie B, unico modo per ripagare il grande sforzo economico profuso dalla famiglia Gambardella e dai vari sponsor.
    Il futuro del Sorrento passa dalla cadetteria e dal nuovo Stadio solo così si potrà trovare quel sostegno economico per mantenere in vita la società nel lungo periodo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!