Juniores: Il girone H si tinge di nero azzurro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Bastava un pareggio al Massa Lubrense contro il Città di Pompei per blindare il primo posto del girone H di attività Mista. I nero azzurri lo ottengono chiudendo a doppia mandata la porta di Alfano e pareggiando zero a zero contro i giovani della città mariana.
Lo spettacolo per una volta mister Gargiulo lo ha lasciato agli altri. Si è badato al sodo: il pari.
Un campionato che è stato un crescendo di emozioni per i giovani massesi, la scorsa annata un valido cammino d’esperienza sfruttato al meglio nella nuova stagione.
Prima l’imbattibilità durata per undici incontri e persa nel derby con il Sant’Agnello, poi il sacco del Giraud per una squadra che ha saputo crearsi una propria identità, scendere in campo con il chiaro obiettivo di far propria ogni singola partita.
In 21 gare solo due sconfitte e tre pareggi per la capolista che ha ottenuto 16 vittorie grazie a 67 reti messe a segno e solo 14 subite, miglior difesa del girone.
Lo specchio del carattere focoso e determinato del suo allenatore Luigi Gargiulo fresco di patentino ottenuto nell’ultimo corso organizzato dalla FIGC-Campania in quel di Salerno e l’opportunità di poter puntare sui propri ragazzi per le future esperienze nei campionati maggiori da parte di mister Palmieri.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!