Polisportiva B: Family sconfitta per 21-44

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vittoria a Caserta per la Polisportiva

Caserta – Una partita di fine campionato quella giocata e vinta dalla Polisportiva di Paolo Falbo in casa della Family Basket. Una vittoria senza patemi caratterizzata però dal risultato molto basso, la causa del quale è stato il parquet in pessime condizioni che ha trasformato il match in una gara a chi restava in piedi, abbassando notevolmente la percentuale di canestri e costringendo gli arbitri a chiamare numerosi falli di passi alle giocatrici in campo rendendo così davvero poco spettacolare la sfida.
La Polisportiva ha messo subito la testa avanti guidando la partita sin dal primo quarto, ampliando il vantaggio di più punti in ogni quarto. La Family è stata costretta a inseguire senza mai riuscire ad avvicinarsi alle avversarie più motivate.
Falbo ha avuto la possibilità di far giocare tutte le ragazze a sua disposizione e buone notizie arrivano dalla Ayroldi che è tornata in campo dopo un periodo di stop preparando le atlete alla seconda fase del campionato che dista ancora due gare, tre se si tiene conto del turno di risposo che la Polisportiva osserverà la prossima domenica. Prima però c’è da affrontare la Villa Icaro Ottaviano nel recupero di giovedì al palazzetto Atigliana; una partita che sembra alla portata considerata la posizione in classifica delle avversarie.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!