Dentale il profeta: “Ci credevo davvero!”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Dentale verso il rush finale per la salvezza

Sant’Agnello – Quando le cose andavano davvero male, durante il ciclo terribile con le prime tre classificate che aveva affossato sembrava definitivamente il Sant’Agnello, tanto da indurre la società a parlare già del prossimo campionato, il capitano si comportava da capitano, mostrando sempre il suo sorriso e dicendo sicuro: “Ci salveremo”. Rosario Dentale, con il senno di poi, ha avuto ragione. Il Sant’Agnello ha abbandonato l’ultimo posto e si gioca i playout con Pimonte e Anacapri, impensabile fino a qualche settimana fa. «Ci ho creduto davvero, abbiamo mostrato di essere superiori ad altre squadre, le vittorie che abbiamo fatto sono state senza storia, non riuscivamo a concretizzare e finalmente sono arrivati i risultati». Quattro vittorie consecutive, l’ultima a tavolino su cui il capitano della Fc scherza parlando della miglior prestazione della squadra finora, e la prospettiva di partite alla portata per raggiungere quel quart’ultimo posto che permetterebbe alla squadra di giocare lo spareggio in casa. Ma domenica c’è la Marilius, una squadra in forma. «Una partita difficile a Marigliano, loro sono più forti del Cicciano, hanno Scala e Liguori che sono ottimi calciatori e vengono da 10 risultati utili consecutivi. E’ la gara più difficile tra le ultime partite del campionato». La squadra gira, l’attacco ha ripreso a segnare finalmente con continuità, alcuni giovani come Macarone e Inserra hanno cominciato a fare la differenza. Difficile trovare mancanze a questa squadra, ad oggi: «E’ chiaro che l’appetito vien mangiando, non abbiamo perso la speranza quando eravamo ultimi figuriamoci ora, dobbiamo raggiungere Anacapri e Pimonte per giocarci in casa i playout, non ha più senso guardarci indietro perchè ci sono squadre inferiori a noi». Quello che serve, contro la Mariulius, è una prestazione di squadra senza sbavature. «La differenza la farà la compattezza dietro e il gruppo, non il singolo, loro giocano con 4 attaccanti e noi dobbiamo difendere bene e essere bravi a ripartire».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!