I mondiali di Perth un’esperienza stimolante per la Lubrensis

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – E’ rientrata in Italia la spedizione azzurra della Asd Lubrensis dopo l’esperienza a Perth in Scozia ai mondiali di Tiro alla Fune indoor.
Un’esperienza costruttiva contro colossi planetari di questo sport. Che il livello del tiro alla fune in Italia fosse basso era risaputo, ma i bianco azzurri si sono dovuti confrontare con realtà che fanno di questa disciplina uno sport professionistico con un’antica tradizione alle spalle.
Determinate squadre infatti esercitano questa disciplina per tradizione e per abitudine, come il calcio in Italia, allenandosi 6 o 7 volte a settimana per 8 mesi all’anno. Altre compagini, invece, come Cina, Cina Taipei e Giappone, si allenano addirittura 4-5 ore al giorno e gli atleti sono stipendiati, in quanto, in tutta l’Asia, il tiro alla fune è considerato come uno dei principali sport nazionali.
La quattro giorni d’oltreManica si è conclusa con un onorevole settimo posto su dieci team in competizione nella categoria 680 Kg. C’è tanta soddisfazione per il sodalizio di Massa Lubrense sia per aver rappresentato al meglio la Città dell’Olio a livello nazionale, sia per aver difeso con il massimo impegno possibile la casacca azzurra.
La Lubrensis è consapevole che si deve crescere e si ci si dovrà impegnare sempre di più per poter vedere i frutti già dalla prossima gara del 18 marzo, ultima del campionato italiano, ma soprattutto per essere sempre più protagonisti ai prossimi mondiali fra due anni.
Il presidente Sandro Gargiulo è fiero di quanto fatto dai suoi ragazzi e stimolato dalle tirate contro le più grandi squadre di tiro alla fune del mondo.
«Immaginavamo di trovare squadre di un certo livello, questo confronto ci ha fatto molto bene perché ha scatenato in noi nuove motivazioni e soprattutto ci ha fatto capire cosa ci manca per arrivare a quei livelli- commenta Gargiulo -. Continueremo ad allenarci più di prima senza mai mollare, facendo tesoro di questa esperienza e puntando ai mondiali di Irlanda 2014 sicuri ed allo stesso tempo speranzosi di un confronto meno impari».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!