La Fortitudo non sa più vincere

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Nocera – «Ci è mancato un pelo, ma non siamo riusciti a riequilibrarla e l’hanno vinta nel finale».
Mario Marino commenta così la sconfitta contro la Simeon Nocera maturata al termine di quaranta minuti altalenanti nei quali la Fortitudo non è riuscita a invertire la tendenza delle ultime sette partite.
«C’è qualcosa che non va in attacco – analizza il coach -. La squadra è stata costruita basandosi molto su Giuseppe Esposito e Freidiano Peraino che al momento non possono giocare con noi. In difesa reggiamo anche bene, ma ci mancano punti pesanti in attacco. Nel corso del quarto parziale siamo anche riusciti a portarci a meno due poi si è spenta la luce».
I bianco verdi hanno commesso ancora una volta troppi errori da sotto non trovando la retina su alcune forzature hanno consentito ai padroni di casa di scavare il gap nel corso del secondo quarto, quando il margine è cresciuto sino a 13 punti.
Il rientro dagli spogliatoi porta con costrutto gli ospiti a giocarsi i due punti nel quarto e decisivo parziale, ma una conduzione di gara all’inglese ed errori dei ragazzi di Marino fanno il resto, la Simeon ringrazia e vince di dieci (60-50).
«Non fa piacere perdere sette gare consecutive – conclude l’allenatore -. Io sono il primo responsabile. Ora dobbiamo lavorare ancora tanto per ritornare al successo».

Simeon Nocera – Fortitudo Sorrento 60-50
(22-13 38-25 48-37)
Fortitudo Sorrento: Spagnuolo 2, Esposito 11, Cascella G 6, Peraino T 7, Cascella E 1, Rossi 9, Amendola 8, Parvolo 4, De Martino 2, Giordano, Gargiulo, Vazza ne.
Allenatore: Marino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!