Massa, Cappiello:”Abbiamo trovato la strada giusta”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

E' sicuro che il Massa ha intrapreso la strada giusta, Antonio Cappiello

Massa Lubrense – Ha messo alle spalle immediatamente il match contro la Libertas Stabia Antonio Cappiello, che ad Angri è tornato il direttore d’orchestra tanto caro a mister Palmieri. Contro la penultima compagine del girone il Massa Lubrense ha fatto bottino pieno al Novi, campo storicamente ostico per i nero azzurri.
Vincere aiuta a vincere è l’andazzo che spesso è utilizzato dagli addetti ai lavori e mai come in questo caso potrebbe essere utilissimo ai massesi che al Cerulli ospitano la Cenerentola del girone, Due Principati.
«Dopo la vittoria di Angri c’e la consapevolezza e la voglia di fare bene e non buttare tutto alle ortiche quello fatto di buono nel match di sabato – commenta Cappiello -. Con i Due Principati non sarà una partita semplice come può sembrare. In partite simili se non riesci a far gol subito diventa difficile perché loro si chiuderanno e sarà difficile trovare la via della rete».
Quando il Massa si è trovato ad affrontare le formazioni più forti del girone è sempre uscito dal campo a testa altissima, ora contro le piccole occorrerà una squadra più spartana per evitare beffe.
«Esattamente – tuona il centrocampista massese -. Sono ormai tre giornate di campionato in cui abbiamo acquisito quella mentalità giusta. Siamo consapevoli di potercela giocare con tutte e che la salvezza sembra davvero alla nostra portata. Saremo sempre cattivi come richiede la classifica per portare a casa il bersaglio grosso».
La svolta nel cammino dei costieri c’è stata non appena in rosa è entrato Aldo Marino, il toro di Praiano che in dieci gare di campionato ha messo a segno sette reti, una media importante soprattutto per un team che mira alla salvezza.
«Conosco Aldo dai tempi delle giovanili del Sorrento e posso dire che persone come lui sono difficili da trovare. Un ragazzo di cuore – conclude Cappiello -. È fondamentale per questa squadra perché permette a tutti noi sempre di rifiatare in momenti di difficoltà e spesso riesce anche a creare dei pericoli da solo. È un po’ egoista, ma confidiamo che presto possa arrivare in doppia cifra e permettere al Massa di salvarsi con le sue reti».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!