Grande vittoria in trasferta per la Gimel con Villaricca

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Villaricca – Seconda vittoria consecutiva per la Gimel Sant’Agata che batte a domicilio la Trincar Villaricca vendicando la sconfitta per 0-3 all’andata e superando le dirette avversarie nella corsa all’ottavo posto, raggiunto ora con 22 punti in classifica contro i 21 delle avversarie.
Una vittoria inaspettata per le condizioni della squadra, rimaneggiata da troppi infortuni, ma che era nelle corde di una squadra che continua a far tesoro dell’esperienza maturata sin qui nella prima esperienza in C.
Mister Aversa commenta la bella prestazione: «Una bella vittoria soprattutto perchè la squadra era decimata, abbiamo la Esposito che si opererà la prossima settimana e le condizioni della Marciano sono ancora dubbie; qualche elemento era febbricitantee venivamo da una partita non esaltante contro l’ultima in classifica». Non sono state le assenza l’unico problema della Gimel, che in settimana ha dovuto fare i conti con una carenza strutturale che ne ha falsato il programma di lavoro: «Abbiamo fatto molto poco in allenamento a causa del freddo e della mancanza di gasolio in palestra per cui mancava il riscaldamento». Un altro tassello nella sconcertante situazione delle strutture sportive peninsulari che penalizza una squadra che continua a far bene contro tutte le difficoltà. La gara è iniziata male per la Gimel che ha perso il primo set giocando male ma si è poi ripresa nel corso della gara soffrendo solo nel secondo parziale, durante il quale ha dilapidato un vantaggio importante. Il prossimo avversario sarà San Giuseppe Vesuviano, la seconda forza del campionato. Servirà una prestazione da categoria superiore con le difficoltà attuali di formazione della squadra: «Mi aspetto una partita giocata bene  – dice Aversa – e combattuta, facendo vedere i valori reali di questa squadra, sarà impossibile recuperare le infortunate, San Giuseppe è seconda in classifica e non mi aspetto di vincere ma di fare una buona prestazione». L’ultimo pensiero del mister va ad una persona cara: «Vorrei dedicare questa vittoria ad una persona molto cara –  conclude -, una zia che è scomparsa nei giorni scorsi».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!