Aversa ferma la corsa della Libertas

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sconfitta per la Libertas contro Aversa, prima della classe in serie D

Aversa – Dopo cinque vittorie consecutive la Libertas Sorrento non riesce a superare l’ostacolo Aversa, prima in classifica nel campionato di serie D.
Una partita che le padrone di casa hanno gestito al meglio vincendo i primi due set con largo scarto: il primo parziale recita 25-15 mentre il secondo 25-13. Nel terzo set la squadra di Morelli ha provato a reagire approfittando di un calo di tensione delle avversarie ma non è andata oltre il 25-19 finale che comunque non compromette il buon cammino e la posizione di classifica che la squadra sorrentina sta dimostrando di aver meritato. Saldo infatti il settimo posto per le costiere che con 26 punti hanno staccato di 4 lunghezze la Russo 2 battuta nello scontro diretto nell’ultima gara casalinga, mentre Aversa continua a dominare il campionato con 38 punti, due soli in più rispetto a Battipaglia, prossima avversaria all’Atigliana della Libertas che ha cominciato quindi con una sconfitta un ciclo di partite terribili chela vedranno affrontare nelle prossime due gare la seconda e la terza classificata, l’Abatese Volley, in una sfida che si preannuncia spettacolare.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!