Volley Under 16M: La Folgore ci prova, la Apd vince

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Era un derby e a parte alcune proteste l’agonismo e la tensione lo hanno dimostrano. Ne ha risentito il gioco, ma chiudere il campionato per la Apd era più importante. La Folgore ha tenuto botta al cospetto della truppa del presidente Carotenuto mettendo più di qualche apprensione al roster di Cafiero e Gargiulo che, nel corso del secondo set, ha rischiato e di brutto di perdere l’imbattibilità nei parziali concessi.
E’ parsa una squadra più matura quella massese rispetto al match dell’andata, Fiorentino in difesa è stato monumentale, mentre di contro Lauro e Quarantelli hanno trascinato i compagni al successo.
Primo set che inizia equilibrato, i bianco verdi piazzano alcune soluzioni interessanti, ma sbagliano troppo in battuta e Giacobelli è costretto a chiamare time-out sul 9-12.
La strigliata e i chiarimenti servono a poco in casa massese, la Apd ne approfitta piazza il break importante e chiude in scioltezza sul 25-15.
Preso uno schiaffo la Folgore non offre l’altra guancia anzi si avventa sull’avversario per poter riequilibrare il computo totale dei set. In casa bianco blu è la saga delle battute sbagliate a costringere Staiano e compagni a rincorrere in avvio, impattare (5-5), ma non saper piazzare l’affondo decisivo. I giovani della Folgore capiscono che è il momento di osare e rimettono il naso avanti (14-12). Gargiulo decide per il cambio, dentro Russo, fuori uno spaesato Coppola.
Emozioni a go-go sino al nuovo vantaggio bianco verde sul 19-17. Infila il break giusto la Apd che ribalta tutto si porta avanti di due (19-21) e costringe Giacobelli a fermare il gioco. Mai time-out è stato più giusto. I massesi cambiano volto riequilibrano il tutto, hanno la palla per condurre, ma la sbagliano ed è proprio sugli errori altrui che i bianco blu santanellesi costruiscono il doppio vantaggio nel computo totale dei set.
Nel parziale che si rivelerà decisivo le parole nell’intervallo valgono come l’oro per l’orda barbarica di Cafiero e Gargiulo, mentre la Folgore in avvio dà l’impressione di aver speso tutta se stessa nel set precedente. Dopo un fugace allungo, la Apd si ritrova in parità (6-6). Non aleggiano gli spettri del parziale precedente e con la spensieratezza dei giovani i santanellesi spiccano il salto verso la vittoria. Giacobelli chiama due time out di seguito, ma le pecore sono uscite dall’ovile. Infatti, la Apd ha messo la freccia, ingranato la sesta e si è portata sul 6-13.
Il parziale rientro sino al 12-17 è un procurato allarme per gli ospiti che fermano il gioco. L’andamento è ormai stabilito. La Apd a fare da battistrada, la Folgore che cerca disperatamente di non lasciar fuggire via il set. Il 15-19 messo giù dai padroni di casa è l’ultimo punto della partita per gli uomini del presidente Vinaccia, perché i bianco blu sfruttano ogni minima disattenzione e chiudono anche con la fortuna, due battute toccate dal nastro, di Denza (15-25).

Folgore Massa – Apd Carotenuto 0-3
(15-25; 22-25; 15-25)
Folgore Massa: Mastellone (K), Esposito, D’Esposito, Giannone, Vinaccia, Fiorenitno, De Maria, Valestra Am, Valestra An, Iaccarino G, Iaccarino P, Morvillo.
Allenatore: Giacobelli-Gargiulo P.
Apd Carotenuto: Staiano (K), Quarantelli, Coppola, Russo, Pontecorvo, Lauro, Denza, Gargiulo, Izzo.
Allenatore: Gargiulo G – Cafiero

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!