Beati verso la Reggiana: “A Sorrento ambiente ideale, ottima l’impressione di Ruotolo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Nicola Beati (foto Pollio)

Sorrento – Il Sorrento è in partenza per Reggio Emilia dove affronterà la Reggiana allo stadio Giglio, nella gara di recupero dopo il rinvio della scorsa settimana a causa della neve caduta copiosamente su tutti i campi dell’Emilia. E’ il momento per parlare con Nicola Beati che ha approfittato di questa settimana di stop dopo l’esordio in rossonero contro l’Avellino per prendere confidenza con l’ambiente e con i nuovi compagni di squadra: «Sicuramente sono state due settimane positive per conoscere meglio i compagni – spiega -. A Sorrento c’è un ambiente ideale per poter far bene, la società è seria e la squadra è forte mentre all’esterno è tutto tranquillo». Il rinvio della partita con la Reggiana ha un po’ spezzato la serie positiva che il Sorrento sta inanellando con quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta a Taranto che per il modo in cui è arrivata è servita soprattutto a caricare ancora di più i rossoneri: «Ci sono stati piccoli disagi domenica scorsa perchè siamo partiti – racconta Beati – poi tornati ma non ci è cambiato nulla perchè avremmo dovuto fare la sosta questa settimana e invece l’abbiamo anticipata». Sulla formazione che affronterà la Reggiana non si sbilancia, difficile prevedere l’undici iniziale e se l’ex Frosinone partirà da titolare accanto a Zanetti o come ad Avellino entrerà a partita iniziata: «Non so nulla sulla formazione – ammette il centrocampista perugino -, il mister ha provato diverse soluzioni ed è lui a mandare in campo gli undici più idonei alla partita. Noi diamo il meglio e cercheremo di vincere, è ovvio che ad ognuno farebbe piacere partire dall’inizio ma siamo tutti a disposizione del mister». La carriera di Beati è stata ricca di soddisfazioni, a partire dall’esordio in A con l’Inter nel 2001. Poi Crotone e Frosinone in B ma il sogno è di culminare con la promozione del Sorrento nella serie cadetta. «Sarebbe una grande soddisfazione, ho iniziato dal primo momento a sognare questo futuro roseo – ci svela -, certo bisogna sudare e impegnarci perchè non è semplice, ma noi siamo pronti ai sacrifici per raggiungere questo obiettivo». Un obiettivo che un Sorrento così può raggiungere; le prestazioni delle ultime gare mostrano una squadra forte e concreta che può candidarsi tranquillamente alla promozione. Artefice di questo cambiamento soprattutto mister Ruotolo, che con caparbietà e voglia sta portando in alto il Sorrento. Queste le impressioni di Beati sul nuovo tecnico: «Ruotolo mi ha fatto una ottima impressione – conclude l’ex Frosinone -, riesce a motivare e a tenere tutti sulla corda senza far capire mai la formazione che scenderà in campo e per me questo è un bene. Riesce fuori dal campo a farci stare sereni anche se in allenamento chiede molto ma sa che così possiamo rendere di più perchè fino a poco fa è stato anche lui calciatore».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!