La Libertas regola la Russo 2 con un netto 3-0

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Libertas di Morelli schianta la Russo 2 con una prestazione convincente

Sorrento – La Libertas guadagna la sua quarta vittoria nelle ultime quattro partite spegnendo le velleità della Russo 2, che all’andata aveva sconfitto le sorrentine con il punteggio di 3-0.
Una gara alla quale le ragazze di Morelli si erano preparate bene per vendicare sia la sconfitta del girone precedente sia il trattamento che le atlete di Pianura avevano riservato alle costiere in casa, davvero poco consono ai valori dello sport.
La Russo ha trovato pane per i suoi denti affrontando una squadra caricata a mille e che con il passare dei mesi si è trasformata, risalendo in classifica e diventando una delle protagoniste del campionato di serie D. I parziali della gara parlano chiaro: 25-20, 25-21 e 25-17 i risultati dei set di una partita giocata bene dalle sorrentine che hanno macinato bel gioco risultando micidiali in battuta grazie soprattutto alla prestazione della Espinosa che ha firmato diversi aces. La Libertas è ora attesa dal recupero di mercoledì ad Avellino con la Wessica (neve permettendo), una partita che si prospetta tranquilla dopo la vittoria dell’andata con un netto 3-0, poi due incontri importanti ed impegnativi contro Aversa, in trasferta, e Battipaglia tra le mura dell’Atigliana.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!