Armellino visto dai suoi tecnici, colleghi e presidenti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Percorso simile a quello di Ruotolo per Armellino che è passato in amaranto alla Reggina (foto Penna)

Sorrento – E’ un figlio della Penisola che approda in serie B Marco Armellino, che nell’ultimo giorno di mercato ha lasciato Sorrento per raggiungere la Reggina e confrontarsi con la nuova realtà dei professionisti della Lega Bwin.
Di certo non un raccomandato. Infatti, per il giovane gladiatore nativo di Seiano, frazione di Vico Equense c’è stata tutta la trafila dai dilettanti sino alla Lega Pro in modo graduale.
Mai come in questo caso calzano a pennello le note di Ligabue Una vita da mediano per un ragazzo cuore, grinta e polmoni che ha spiccato il volo verso il calcio che conta.
Da crisalide a farfalla. Tutto nella mani di Armellino che con le sue doti potrebbe far innamorare i tifosi dello Stretto.
Cresciuto nel settore giovanile del Sorrento, Armellino tornò al Vico Equense voluto fortemente da mister Ferraro nel 2007-08 con cui dall’Eccellenza raggiunse i pro nell’arco di tre anni.
«Posso solo ringraziare i presidenti Giglio e Castellano che mi detterò Marco – dichiara Ferraro -. Con me ha fatto circa 150 partita passando dall’Eccellenza alla Lega Pro. Fiero che un ragazzo nativo di Vico possa aver raggiunto la B. Ha le qualità per fare bene».

Per Sarri: “Armellino è un centrocampista moderno”

“Gli auguro traguardi ancora più importanti” dichiara Nello Savarese primo presidente tra i Pro per Armellino

Il presidente del club azzurro oro Nello Savarese al vertice del sodalizio vicano negli anni d’oro e attualmente ancora in carica fa il suo in bocca al lupo al centrocampista costiero.
«E’ una grande soddisfazione che un ragazzo di Vico abbia raggiunto un traguardo così importante. Spero che il suo cammino prosegua verso traguardi ancora più importanti».
Francesco Rapesta vicano doc che con Marco ha vissuto tutta la trafila di successi con il Vico Equense commenta con entusiasmo questo approdo del compagno in B.
«Merita tutto quello che ha raggiunto. È un ragazzo umile che ha lavorato tanto per ottenere questo traguardo».
Lo scorso anno si conquistò l’amore dei supporter costieri dopo l’infortunio di capitan Nicodemo, perché a fianco di Togni sapeva coprire e ripartire con le caratteristiche del centrocampista moderno. Simonelli non esprime un giudizio, mentre Maurizio Sarri non si sottrae e dà una

Ruotolo:”Ora sta a lui”

descrizione dettagliata del figlio della Penisola.
«Marco è un centrocampista dinamico, ha una buona linearità e riesce a verticalizzare facilmente. È un elemento moderno per ogni tipo di centrocampo sa fare tutte le due fasi e si potrà facilmente adattare anche al modulo della Reggina».
Ha avuto poco tempo per apprezzarne le doti e le qualità, ma è bastato un mese anche a Gennaro Ruotolo per conoscere un giocatore che alla fine gli assomiglia un po’ per tutto il percorso che ha fatto. A Taranto non ha mai tirato indietro la gamba Armellino, lottando su ogni pallone anche se alle porte c’era una chiamata importante e anche lui come il suo mister  vestirà l’amaranto, Arezzo per l’attuale mister del Sorrento, Reggio Calabria per il centrocampista di Seiano.
«Siamo contenti tutti qui a Sorrento – dichiara l’allenatore rossonero -. Il giocatore è andato in B ora sta a lui giocarsi le proprie carte per il suo futuro».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!