As Massa Lubrense, De Stefano:”Dobbiamo sempre dare oltre il 100%”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

"Contro la Cavese siamo mentalizzati anche per vincere" tuona Francesco De Stefano

Massa Lubrense – E’ tornato allo stadio Italia Francesco De Stefano che con il Sorrento di Musella aveva mosso i primi passi nella Serie D, poi tanta gavetta e mai l’approdo tra i professionisti. Dopo la parentesi di Sant’Agnello la possibilità di rilanciarsi più per diletto in Eccellenza con i nero azzurri del presidente De Gregorio. L’esperto esterno sinistro, può coprire tutti i ruoli della fascia, dice la sua su quanto fatto in questa stagione in casa massese.
«Siamo in lotta per la salvezza e lo sapevamo ormai dall’inizio della stagione – commenta De Stefano -. Domenica abbiamo disputato un’ottima gara contro il Montecorvino Campagna e contro le grandi ci esaltiamo sempre, ma dobbiamo essere più cattivi perché contro le squadre che lottano per gli stessi obiettivi nostri facciamo troppa fatica».
Anche nei diletanti regionali è in vigore la legge degli under che possono contribuire in modo determinate alle sorti delle proprie squadre. Il progetto della Figc è ambizioso: riuscire ad abbassare i costi con l’innesto dei giovani fatti in casa a cui il numero tre massese dà un consiglio.

“I giovani possono darci una grossa mano” dichiara l’esterno massese

«Abbiamo un buon numero di under che devono riuscire a mentalizzarsi per capire che ogni partita è buona per mettersi in evidenza – spiega il numero tre massese -. Io gioco per il puro divertimento di farlo, loro hanno ancora delle possibilità per farlo a livelli più alti».
Il calendario non è stato benevolo con il Massa Lubrense che da cenerentola del girone dopo Agropoli e Montecorvino affronterà il Città della Cava al Lamberti, un impegno ostico che non spaventa più di tanto il giocatore nero azzurro.
«E’ importante fare punti anche contro la Cavese – conclude De Stefano -. Le motivazioni per un match così ci sono da sole e siamo mentalizzati anche per provare a vincerla. D’ora in poi invece ci aspettano tutti match in cui dovremo dare oltre il 100%».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!